La vera identità di Aurelius Silente

Al termine della maratona di Harry Potter targata Warner Bros., Mediaset ha voluto replicare il successo mandando in onda i primi film della nuova saga di David Yates; proprio ieri è stato trasmesso in prima visione Animali Fantastici e dove trovarli: I crimini di Grindelwald, il capitolo più controverso tra i due finora usciti, che ha attirato numerose critiche e pochi elogi rispetto al precedente, soprattutto per via di una certa rivelazione finale. La vera identità di Aurelius Silente, o Credence (Ezra Miller), è quella proposta da Grindelwald? O si tratta di un bluff? Ecco le teorie più interessanti che sono state fatte a riguardo.

1) Aurelius è figlio di Percival e/o Kendra Silente

Grindelwald identifica Credence come il quarto fratello Silente, dunque se si tratta della verità è logico presupporre che abbiano gli stessi genitori, o perlomeno uno in comune. Perché è improbabile che Aurelius sia figlio di entrambi? I crimini di Grindelwald è ambientato nel 1927 e Aurelius è nato all’inizio del secolo, interno al 1901, ma potrebbe essere anche più giovane; Percival, tuttavia, viene rinchiuso ad Azkaban intorno al 1890 e muore lì, mentre Kendra perde la vita nel 1899, senza che i libri abbiano mai accennato a un eventuale quarto figlio. Perché inoltre Aurelius avrebbe dovuto prendere il cognome del padre, nel caso in cui fosse frutto della relazione di Kendra con un altro uomo? Kendra avrebbe voluto nascondere la paternità dell’ultimogenito?

2) Aurelius è figlio di uno dei fratelli Silente

Per la sopracitata questione cronologica, una delle teorie vedrebbe Aurelius come figlio di Albus, Aberforth o perfino Ariana Silente. Questa eventualità è ancora più improbabile delle precedenti: Albus è omosessuale, Aberforth non si è mai sposato e Ariana è morta a quattordici anni, un’età in cui avrebbe potuto partorire e per alcuni perfino il figlio di Grindelwald, ma qualsiasi teoria risulta infondata di fronte a un’ulteriore considerazione. Grindelwald, infatti, descrive Aurelius come fratello dei Silente, tuttavia annunciargli di essere il figlio di uno di loro avrebbe potuto aumentare l’impatto emotivo del ragazzo, deciso a prendere vendetta contro, ad esempio, un padre che l’avrebbe abbandonato, e ciò avrebbe maggiormente giocato a favore del mago oscuro. Perché non approfittarne?

3) Yates non ha tenuto conto delle informazioni presenti nei libri

In Harry Potter e i Doni della Morte – Parte II, la storia familiare dei Silente viene appena accennata: si scopre che Albus aveva un fratello, proprietario della Testa di Porco a Hogsmeade, e una sorella morta giovane. Forse il motivo per cui il discorso non è stato approfondito era l’intenzione di Yates e della Rowling di farlo nella nuova saga, come è accaduto con il personaggio di Nagini, o forse il regista voleva apportare modifiche alle informazioni cartacee già in suo possesso. In ogni caso Animali fantastici si presenta come un prodotto legato alla precedente saga cinematografica, ma al contempo lontano da essa, come si nota dal paradosso dell’età di Albus, interpretato nel 1927 da Jude Law e solo qualche anno più tardi da Michael Gambon – altro esempio è la presenza della professoressa McGranitt a Hogwarts già nei primi decenni del secolo. Aurelius, quindi, è davvero il fratello minore di Albus Silente, nato da Percival e Kendra prima dell’attacco ad Ariana.

4) Grindelwald mente

Si tratta della spiegazione più logica. A sostegno della tesi di Grindelwald, per il momento, c’è solo la presenza della fenice, che Credence ha allevato nel corso del film e che siamo stati portati a credere che fosse un piccolo di corvo. Grindelwald è un mago dalle facoltà straordinarie, per cui non gli sarebbe stato molto difficile trasfigurare il pulcino in una fenice, facendo credere a Credence di essere un Silente. Che il ragazzo sia veramente il fratello di Leta Lestrange, alla fine di tutto?

Un’analisi molto interessante è stata fatta da Caleel nel video Aurelius Silente non esiste. Quando Queenie si reca al Ministero della Magia francese, Rosier e Abernathy stanno trafugando qualcosa: potrebbe trattarsi dell’albero genealogico dei Lestrange che i protagonisti rinvengono in seguito presso la loro tomba di famiglia. Perché spostarlo, se non allo scopo di doverlo modificare? Solo per permettere a Credence di essere presente quando il mistero sulla morte di Corvus viene svelato? Corvus potrebbe quindi essere ancora vivo, ma non per forza corrispondere alla vera identità di Credence.

Caleel, inoltre, cita una scena inedita presente nella versione DVD: Albus e Newt, durante il loro incontro a Londra, parlano di una visione avuta da Grindelwald secondo cui Credence ucciderà il nemico del mago oscuro; è per tale motivo che Albus vuole tenerlo lontano dal suo avversario. Secondo questa rivelazione, quindi, non è la parentela con i Silente che spingerebbe Credence a essere colui che annienterà Albus, ma Yates potrebbe avere cambiato idea in corso d’opera e poi inserire quella scena inedita per instillare il dubbio negli spettatori e per rendere pure le intenzioni di un personaggio positivo e altruista come Newt, deciso soltanto a salvare un ragazzo orfano, ma è difficile – non impossibile – che il regista abbia svelato così facilmente l’inganno di Grindelwald.

5) Aurelius è l’Obscuriale di Ariana

Perché, fin dall’incontro nella casa dei Babbani francesi, Grindelwald ha cercato di portare Queenie dalla sua parte? Sarebbe stato controproducente avere un’abile Legilimens tra le sue file, se avesse raccontato a Credence una bugia, perché ciò costringerebbe Grindelwald a controllare costantemente i propri pensieri. La teoria più gettonata è che lui non abbia del tutto mentito: Credence è fratello di Albus, o almeno lo è la sua parte Obscuriale.

Per fare luce su questa teoria bisogna riassumere brevemente la storia di Ariana Silente. Quando aveva cinque anni, Ariana fu aggredita da alcuni Babbani che la resero pazza, motivo per cui Percival si vendicò uccidendoli e finendo successivamente ad Azkaban; una volta cresciuta, in un impeto di rabbia Ariana uccise accidentalmente sua madre Kendra e, nello stesso anno, rimase coinvolta in uno scontro tra Albus, Aberforth e Grindelwald e morì. Fino al primo film di Animali Fantastici, non era chiaro il problema di Ariana, che con l’introduzione della creatura dell’Obscuriale ha cominciato a fare luce sulla sua presunta pazzia: Ariana si è costretta a reprimere la magia per il trauma subito da bambina, e ciò ha creato l’Obscuriale.

Grazie a Newt, lo spettatore ha scoperto che gli Obscuriali sono in grado di vivere anche dopo la morte del corpo ospite ed essendo una creatura in fase di studio – Newt è il primo ad avere scritto un libro sugli animali fantastici – dichiarare che essa viva fino a dieci anni è solo un’ipotesi; infatti, nel corpo di Ariana avrebbe vissuto quattordici anni, per poi occupare un altro umano, un bambino appena nato che Leta avrebbe scambiato per il fratello solo due anni dopo – a meno che, come già detto, Yates non abbia modificato la cronologia facendo morire Ariana nello stesso anno.

Grindelwald giunge a New York dopo lo scompiglio creato da una creatura che, per un mago che l’aveva già incontrata, non poteva che essere un Obscuriale; era a conoscenza del suo grande potere magico e intendeva utilizzarlo contro Albus, e forse soltanto in seguito ha scoperto che si trattava dello stesso Obscuriale di Ariana. Ha anche giocato sui loro nomi, e questa è l’ultima prova a favore della teoria: Aurelius rimanda al latino auro, “oro”, mentre Ariana in gallese antico significa “argento”. Alla fine, quindi, Grindelwald non ha mai mentito completamente a Credence, ma ha solo evitato di dirgli tutta la verità – e questo lo rende un antagonista ancora più interessante di Voldemort.

– Sara Carucci –

Rispondi