La cena per conquistare lo Scorpione

Avete un debole per uno Scorpione? No, non l’insetto, ma una persona nata sotto questo segno. Lo avete? Sì? Allora ecco una cena da preparare per colpirlo/a diritto al cuore, per far parlare il cibo e la vostra cucina. Insomma, ecco una cena per conquistare lo Scorpione.

PRIMO PIATTO – Pasta alla Cubana

Ingredienti:
300 gr. di Pasta
300 gr di Funghi freschi
250 ml. di Panna liquida da cucina
100 gr. di Prosciutto cotto a cubetti
250 gr. di Polpa di Pomodoro
1 spicchio d’aglio
Olio e sale

Iniziamo con il primo, una pasta dal nome esotico, ma anche misterioso. Questa pasta viene condita con un sugo cremoso, fatto di panna, pomodoro, funghi e prosciutto… tutti ingredienti non tipicamente cubani. Allora perché si chiama così? Esistono svariate motivazioni, ma nessuna accertata. Il perché del nome, quindi, aleggia nel più alto mistero e questo potrebbe essere usato come spunto di conversazione con uno Scorpione: cercatevi due o tre motivazioni su internet, inventatene una e parlatene.

Ma come si prepara questa pasta? In una padella, mettete olio (un cucchiaio basta), fate dorare l’aglio e poi aggiungete i funghi a pezzettini. Lasciate che i funghi si insaporiscano per bene, poi aggiungete la polpa di pomodoro e lasciate cuocere per una decina di minuti. Regolate di sale ed aggiungete prosciutto cotto e panna. Amalgamate e spegnete. Condite con peperoncino a gusto e poi conditeci della pasta precedentemente lessata.

SECONDO PIATTO – Maiale alla casertana con guanciale e mela annurca

Ingredienti:
1 filetto di suino (se possibile, suino casertano)
90 ml circa di Olio extravergine d’oliva
2 fette di Guanciale
2 Mele Annurche
50 gr. di porro
Mezzo bicchiere di Latte
Farina e sale q.b.

Per il secondo, ho scelto un piatto dal sapore deciso. Mi sono fatto anche influenzare da quello che ho trovato su internet, ma ho trovato la ricetta azzeccatissima per gli Scorpioni. In fondo, si tratta di un piatto ricercato, con accostamenti particolari e dal sapore forte che sicuramente conquisterebbe uno scorpione.

Prepariamo intanto gli ingredienti: tagliate il filetto a fette ed affettate guanciale e mele (quest’ultime in modo più fino possibile, magari alla julienne). Tritate anche il porro ed iniziamo a preparare. Prendete una padella bella larga e fate rosolare il porro ed il guanciale con l’olio. Una volta ben dorati, togliete porro e guanciale e usate la stessa padella e lo stesso olio (aggiungendone altro) per cuocere i filetti di maiale preventivamente infarinati. Bastano 2 minuti, girandola a metà cottura, ed avrete dei filetti croccanti. Mettete il maiale da parte e creiamo la salsa: rimettete nella padella il porro ed il guanciale, aggiungendo la mela ed il latte. Tenete il fuoco alto finché la mela non sarà ben cotta, poi abbassate la fiamma per far restringere la crema. Per avere una salsa più legata, potete anche aggiungere un cucchiaino di farina e, se si asciuga troppo, potete aggiungere altro latte o dell’acqua. Salate e versatela sulle fette di maiale prima di servire. Per guarnire, potete usare delle mele, magari tagliate a fette e disidratate al microonde, oppure tagliate a fare un fiore.

DESSERT – Semifreddo al Frutto della Passione

1 confezione di Latte Condensato
200 ml di Panna da cucina
10 Maracuja
6 fogli di Colla di Pesce
20 Savoiardi
1 tazza di latte freddo
1 cucchiaio di un liquore a piacere (tipo Cognac)
1/2 tazza d’acqua
1 cucchiaio di Zucchero

Non poteva mancare la passione nella cena per conquistare uno Scorpione. E quale frutto è più passionale di quello soprannominato proprio Frutto della Passione? La maracuja è considerato uno dei frutto per eccellenza, quando parliamo di passione, anche se il nome deriva dalla Passione di Cristo, ma trovate maggiori informazioni sull’articolo degli “ingredienti dello Scorpione”.

Tornando al nostro dolce, iniziate prendendo il maracuja, tagliandolo ed estraendone il succo. Tenete polpa e semi da parte per la guarnizione. Prendete un frullatore e mescolate il succo con il latte condensato e la panna, fino ad ottenere una crema. Nel frattempo, fate ammorbidire in acqua la colla di pesce, per poi aggiungerla al frullatore e continuare a mescolare. Su una ciotola, versate il latte freddo ed il liquore scelto, per poi inzupparci i savoiardi. Prendete una pirofila, versateci metà della crema del frullatore, ricopritela con i savoiardi inzuppati e poi versate il resto della crema, poi riponete il tutto in frigorifero per almeno due ore.

Mentre il dolce si solidifica, prendete un pentolino e versateci l’acqua, lo zucchero e polpa e sei di maracuja precedentemente tenuti da parte. Fate bollire a fuoco lento, in modo che l’acqua evapori e lasci un composto denso e caramellato. Lascatelo raffreddare (senza metterlo in frigorifero, altrimenti indurisce troppo) e poi versatelo sul dolce solidificato, creando uno strato di copertura.

– Giorgio Correnti –

Rispondi