La casa di marzapane, tradizioni e gusto

Quando pensiamo alla casa di marzapane la prima cosa che ci viene in mente, di solito, è la favola di Hansel e Gretel. Dico di solito, perché da quando ho visto il negozio di marzapane ad altezza naturale fatto a Disneyworld non riesco a distogliere la mente da tale meraviglia. Siccome Orlando è un po’ lontano da noi, possiamo accedere più facilmente a quelle più piccole, deliziose e gustose. Il Gingerbread, tradotto in “ Pan di Zenzero”, ha questo nome perché è proprio lo zenzero l’ingrediente principale di questi biscotti, insieme ad un mix di spezie tra cui la noce moscata, chiodi di garofano e cannella. Il Pan di Zenzero risale al 500 d.c. e già allora i monaci vendevano nei mercati biscotti speziati a forma di omini, stelle e alberelli proprio nel periodo natalizio.

La tradizione di produrre casette decorate di pan di zenzero nacque in Germania agli inizi del 1800. Secondo alcuni ricercatori, le prime casette furono ispirate proprio dalla già citata celebre fiaba dei Fratelli Grimm. Dopo la pubblicazione del libro, i fornai tedeschi iniziarono a vendere casette di pan di zenzero come quella del racconto. Queste divennero popolari nel periodo natalizio, una tradizione giunta negli Stati Uniti grazie agli emigrati tedeschi in Pennsylvania. Secondo altri storici del cibo, i Fratelli Grimm stavano parlando di qualcosa che era già esistente. In tempi moderni la tradizione è continuata in alcune zone dell’Europa. Le casette sono in genere costruite con biscotti di zenzero assemblati con zucchero fuso, con tegole di biscotti o dolcetti. Il giardino invece è ricoperto di glassa che rappresenta la neve. Ma in realtà tutto è lasciato alla propria fantasia!

 

Nel 2013, un gruppo a Bryan, nel Texas, superò il record del Guinness dei primati stabilito l’anno precedente per la più grande casetta di pan di zenzero, con una casa commestibile da 234 metri quadrati eretta per beneficenza in favore dell’ospedale locale. Il valore calorico di tale casa è stato stimato in 35,8 milioni e gli ingredienti includevano 1.327 kg di zucchero, 820 kg di burro, 7.200 uova e 3.300 kg di farina. Una cosetta da niente, insomma! Lo chef dell’hotel Marriott Marquis a New York, Jon Lovitch, ha invece superato il record per il più grande villaggio di pan di zenzero con 135 edifici residenziali e 22 commerciali, funivie e un treno. Meraviglioso.

– Lidia Marino – 

Rispondi