Il sequel del libro “The Handmaid’s Tale”

Che The Handmaid’s Tale sia una delle serie tv cult degli ultimi anni è cosa risaputa a tutti. Non è un mistero, soprattutto per i book addicted, che la serie sia nata grazie al libro omonimo scritto dalla penna di Margaret Atwood.

La prima stagione de “Il racconto dell’ancella” (titolo usato nella traduzione italiana) segue di pari passo gli avvenimenti narrati nel libro pubblicato nel 1985. Nella serie prodotta da Hulu è la biondissima attrice Elisabeth Moss a regalare il proprio volto alla protagonista principale.

Come detto sopra la serie, per essere precisi la prima stagione, narra le vicende scritte nel libro e racconta la vita in un futuro distopico, ma estremamente plausibile, dove gli Stati Uniti diventano una teocrazia misogina, chiamata Gilead, in cui le poche donne fertili rimaste sono costrette a diventare “Ancelle” e subire abusi sessuali per debellare il decremento delle nascite. Questa “politica” del governo è opera di un gruppo di fanatici religiosi che, grazie ad un passo biblico della Genesi, toglie alle donne qualsiasi diritto facendole diventare di proprietà dei Comandanti della cosiddetta Repubblica di Galaad (Gilead nel romanzo), privandole anche del loro nome.

Tuttavia, visto che la nostra Margaret non ha dato ai suoi lettori alcun sequel della propria opera, l’ideatore della serie tv, Bruce Miller, decide di raccontare come secondo lui si sono svolti gli avvenimenti nella Repubblica di Galaad, durante la seconda stagione andata in onda solo pochi mesi fa.

La terza stagione di The Handmaid’s Tale è, invece, prevista per il 2019. Una domanda sorge spontanea: ma la Atwood non ha intenzione di regalare un vero finale alla propria storia?

A questo proposito il 18 novembre del 2018, giorno del suo 79esimo compleanno, la scrittrice ha annunciato di essere pronta a regalarci il sequel del suo libro più conosciuto. Il nuovo capitolo prenderà il nome di “The Testaments” e sarà pubblicato nel settembre del 2019. L’autrice ha dichiarato che “The Testaments” sarà ambientato quindici anni dopo gli avvenimenti narrati in “The Handmaid’s Tale” e che non avrà nessun collegamento con i fatti narrati nella serie tv. Non si conoscono altri dettagli tranne che la nuova storia sarà narrata da tre diversi personaggi femminili. Del suo nuovo libro l’autrice rivela al pubblico: “Il romanzo risponderà a tutte le domande che vi siete sempre posti sui meccanismi interni di Gilead e avrà come ispirazione anche il mondo in cui stiamo vivendo“.

L’opera di Margaret Atwood, oltre ad aver venduto ben otto milioni di copie solo in lingua inglese, è diventata anche uno dei simboli della lotta per l’emancipazione femminile in tutto il mondo, tanto da vedere nelle piazze, durante alcune manifestazioni, donne indossare il riconoscibilissimo vestito rosso delle “Ancelle” con l’inquietante copricapo bianco.

Un libro, e una serie, amata e conosciuta da tutti.

Ora non ci resta che sperare che “The Testaments” non tradisca le nostre aspettative!

– Giuseppina Serafina Marzocca – 

Rispondi