I vincitori degli Emmy 2016

Non credo che qualcuno di noi avrebbe scommesso contro Game of Thrones, no? Ormai si porta a casa pure la torta per i festeggiati, quindi quando si tratta di premi non ci stupiamo di certo. E, per quanto mi riguarda, sono pure meritatissimi. E anzi, per quanto io adori e veneri Maggie Smith, avrei onestamente dato questa cavolo di statuetta come miglior attrice a Lena Headey, che quest’anno ha fatto anche esplodere palazzi per ottenerlo, ma senza risultato. Non fa niente, Cersei, io ti amo lo stesso, magari riuscirai finalmente ad ottenerlo quando ti faranno fuori… che ansia. Ad ogni modo, a parte i più premiati (arrivano a 38 Emmy complessivi dalla nascita della serie), abbiamo visto un altro grande vincitore della serata: la miniserie The People vs O.J. Simpson, che ha ottenuto 5 statuette. Il presentatore della serata, Jimmy Kimmel, ci ha tenuto – dopo tutte le polemiche sugli Oscar so white – a far notare il gruppo eterogeneo di vincitori, così come era stato per i Tony e – credo – come sarà per i prossimi premi (compresi gli Academy), dopo tutto questo scalpore. Adesso vi lascio, dunque, alla lista completa dei vincitori degli Emmy 2016:

Miglior serie drammatica

  • Il Trono di Spade (Game of Thrones), distribuita dalla HBO
    • The Americans, distribuita da FX
    • Better Call Saul, distribuita da AMC
    • Downton Abbey, distribuita negli USA dalla PBS
    • Homeland – Caccia alla spia (Homeland), distribuita da Showtime
    • House of Cards – Gli intrighi del potere (House of Cards), distribuita da Netflix
    • Mr. Robot, distribuita da USA Network

Miglior serie commedia

  • Veep – Vicepresidente incompetente (Veep), distribuita dalla HBO
    • Black-ish, distribuita dalla ABC
    • Master of None, distribuita da Netflix
    • Modern Family, distribuita dalla ABC
    • Silicon Valley, distribuita dalla HBO
    • Transparent, distribuita da Amazon Video
    • Unbreakable Kimmy Schmidt, distribuita da Netflix

Miglior miniserie

  • The People v. O.J. Simpson: American Crime Story, distribuita da FX
    • American Crime, distribuita dalla ABC
    • Fargo, distribuita da FX
    • The Night Manager, distribuita da AMC
    • Roots, distribuita da History

Miglior film per la televisione

  • L’abominevole sposa (Sherlock: The Abominable Bride), distribuito negli USA dalla PBS
    • All the Way, distribuito dalla HBO
    • Confirmation, distribuito dalla HBO
    • Luther, distribuito negli USA da BBC America
    • A Very Murray Christmas, distribuito da Netflix

Miglior talent show

  • The Voice, distribuito dalla NBC
    • The Amazing Race, distribuito dalla CBS
    • American Ninja Warrior, distribuito dalla NBC
    • Dancing with the Stars, distribuito dalla ABC
    • Project Runway, distribuito da Lifetime
    • Top Chef, distribuito da Bravo

Miglior varietà talk show

  • Last Week Tonight with John Oliver, distribuito dalla HBO
    • Comedians in Cars Getting Coffee, distribuito da Crackle
    • Jimmy Kimmel Live!, distribuito dalla ABC
    • The Late Late Show with James Corden, distribuito dalla CBS
    • Real Time with Bill Maher, distribuito dalla HBO
    • The Tonight Show Starring Jimmy Fallon, distribuito dalla NBC

Miglior varietà di sketch

  • Key & Peele, distribuito da Comedy Central
    • Documentary Now!, distribuito da IFC
    • Drunk History, distribuito da Comedy Central
    • Inside Amy Schumer, distribuito da Comedy Central
    • Portlandia, distribuito da IFC
    • Saturday Night Live, distribuito dalla NBC

Miglior attore protagonista in una serie drammatica

  • Rami Malek, per aver interpretato Elliot in Mr. Robot
    • Kyle Chandler, per aver interpretato John Rayburn in Bloodline
    • Bob Odenkirk, per aver interpretato Jimmy McGill in Better Call Saul
    • Matthew Rhys, per aver interpretato Philip Jennings in The Americans
    • Liev Schreiber, per aver interpretato Ray Donovan in Ray Donovan
    • Kevin Spacey, per aver interpretato Frank Underwood in House of Cards – Gli intrighi del potere

Miglior attrice protagonista in una serie drammatica

  • Tatiana Maslany, per aver interpretato Sarah, Alison, Cosima, Helena, Rachel, M.K. e Krystal in Orphan Black
    • Claire Danes, per aver interpretato Carrie Mathison in Homeland – Caccia alla spia
    • Viola Davis, per aver interpretato Annalise Keating in Le regole del delitto perfetto
    • Taraji P. Henson, per aver interpretato Loretha “Cookie” Lyon in Empire
    • Keri Russell, per aver interpretato Elizabeth Jennings in The Americans
    • Robin Wright, per aver interpretato Claire Underwood in House of Cards – Gli intrighi del potere

Miglior attore protagonista in una serie commedia

  • Jeffrey Tambor, per aver interpretato Maura Pfefferman in Transparent
    • Anthony Anderson, per aver interpretato Andre Johnson in Black-ish
    • Aziz Ansari, per aver interpretato Dev in Master of None
    • Will Forte, per aver interpretato Phil Miller in The Last Man on Earth
    • William H. Macy, per aver interpretato Frank Gallagher in Shameless
    • Thomas Middleditch, per aver interpretato Richard Hendricks in Silicon Valley

Miglior attrice protagonista in una serie commedia

  • Julia Louis-Dreyfus, per aver interpretato Selina Meyer in Veep – Vicepresidente incompetente
    • Laurie Metcalf, per aver interpretato la dott.ssa Jenna James in Getting On
    • Tracee Ellis Ross, per aver interpretato Rainbow Johnson in Black-ish
    • Ellie Kemper, per aver interpretato Kimmy Schmidt in Unbreakable Kimmy Schmidt
    • Amy Schumer, per aver interpretato sé stessa in Inside Amy Schumer
    • Lily Tomlin, per aver interpretato Frankie Bergstein in Grace and Frankie

Miglior attore protagonista in una miniserie o film

  • Courtney B. Vance, per aver interpretato Johnnie Cochran in The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Bryan Cranston, per aver interpretato Lyndon B. Johnson in All the Way
    • Benedict Cumberbatch, per aver interpretato Sherlock Holmes nell’episodio L’abominevole sposa di Sherlock
    • Idris Elba, per aver interpretato John Luther in Luther
    • Cuba Gooding Jr., per aver interpretato O. J. Simpson in The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Tom Hiddleston, per aver interpretato Jonathan Pine in The Night Manager

Miglior attrice protagonista in una miniserie o film

  • Sarah Paulson, per aver interpretato Marcia Clark in The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Kirsten Dunst, per aver interpretato Peggy Blumquist in Fargo
    • Felicity Huffman, per aver interpretato Leslie Graham in American Crime
    • Audra McDonald, per aver interpretato Billie Holiday in Lady Day at Emerson’s Bar & Grill
    • Lili Taylor, per aver interpretato Anne Blaine in American Crime
    • Kerry Washington, per aver interpretato Anita Hill in Confirmation

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica

  • Ben Mendelsohn, per aver interpretato Danny Reyburn in Bloodline
    • Jonathan Banks, per aver interpretato Mike Ehrmantraut in Better Call Saul
    • Peter Dinklage, per aver interpretato Tyrion Lannister ne Il Trono di Spade
    • Kit Harington, per aver interpretato Jon Snow ne Il Trono di Spade
    • Michael Kelly, per aver interpretato Doug Stamper in House of Cards – Gli intrighi del potere
    • Jon Voight, per aver interpretato Mickey Donovan in Ray Donovan

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica

  • Maggie Smith, per aver interpretato Violet Crawley, Contessa Madre di Grantham in Downton Abbey
    • Emilia Clarke, per aver interpretato Daenerys Targaryen ne Il Trono di Spade
    • Lena Headey, per aver interpretato Cersei Lannister ne Il Trono di Spade
    • Maura Tierney, per aver interpretato Helen Solloway in The Affair
    • Maisie Williams, per aver interpretato Arya Stark ne Il Trono di Spade
    • Constance Zimmer, per aver interpretato Quinn King in Unreal

Miglior attore non protagonista in una serie commedia

  • Louie Anderson, per aver interpretato Christine Baskets in Baskets
    • Andre Braugher, per aver interpretato il capitano Ray Holt in Brooklyn Nine-Nine
    • Tituss Burgess, per aver interpretato Titus Andromedon Unbreakable Kimmy Schmidt
    • Ty Burrell, per aver interpretato Phil Dunphy in Modern Family
    • Tony Hale, per aver interpretato Gary Walsh in Veep – Vicepresidente incompetente
    • Keegan-Michael Key, per aver interpretato vari personaggi in Key & Peele
    • Matt Walsh, per aver interpretato Mike McLintock in Veep – Vicepresidente incompetente

Miglior attrice non protagonista in una serie commedia

  • Kate McKinnon, per aver interpretato vari personaggi al Saturday Night Live
    • Anna Chlumsky, per aver interpretato Amy Brookheimer in Veep – Vicepresidente incompetente
    • Gaby Hoffmann, per aver interpretato Ali Pfefferman in Transparent
    • Allison Janney, per aver interpretato Bonnie in Mom
    • Judith Light, per aver interpretato Shelly Pfefferman in Transparent
    • Niecy Nash, per aver interpretato Denise Ortley in Getting On

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film

  • Sterling K. Brown, per aver interpretato Christopher Darden in The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Hugh Laurie, per aver interpretato Richard Roper in The Night Manager
    • Jesse Plemons, per aver interpretato Ed Blumquist in Fargo
    • David Schwimmer, per aver interpretato Robert Kardashian in The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • John Travolta, per aver interpretato Robert Shapiro in The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Bokeem Woodbine, per aver interpretato Mike Milligan in Fargo

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film

  • Regina King, per aver interpretato Terri Lacroix in American Crime
    • Kathy Bates, per aver interpretato Iris in American Horror Story: Hotel
    • Olivia Colman, per aver interpretato Angela Burr in The Night Manager
    • Melissa Leo, per aver interpretato Lady Bird Johnson in All the Way
    • Sarah Paulson, per aver interpretato Sally McKenna e Billie Dean Howard in American Horror Story: Hotel
    • Jean Smart, per aver interpretato Floyd Gerhardt in Fargo

Miglior regia per una serie drammatica

  • Miguel Sapochnik, per l’episodio La battaglia dei bastardi de Il Trono di Spade
    • Jack Bender, per l’episodio Il tempo è giunto de Il Trono di Spade
    • Michael Engler, per l’episodio finale di Downton Abbey
    • Lesli Linka Glatter, per l’episodio Ospitalità di Homeland – Caccia alla spia
    • David Hollander, per l’episodio Exsuscito di Ray Donovan
    • Steven Soderbergh, per l’episodio This Is All We Are di The Knick

Miglior regia per una serie commedia

  • Jill Soloway, per l’episodio Maschio In Vista di Transparent
    • Chris Addison, per l’episodio Morning After di Veep – Vicepresidente incompetente
    • Aziz Ansari, per l’episodio Genitori di Master of None
    • Alec Berg, per l’episodio Daily Active Users di Silicon Valley
    • Mike Judge, per l’episodio Founder Friendly di Silicon Valley
    • Dave Mandel, per l’episodio Kissing Your Sister di Veep – Vicepresidente incompetente
    • Dale Stern, per l’episodio Mother di Veep – Vicepresidente incompetente

Miglior regia per un film, miniserie o speciale drammatico

  • Susanne Bier, per The Night Manager
    • Noah Hawley, per l’episodio Davanti alla legge di Fargo
    • Anthony Hemingway, per l’episodio I nastri della verità di The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Ryan Murphy, per l’episodio Dalle ceneri della tragedia di The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Jay Roach, per All the Way
    • John Singleton, per l’episodio La carta del razzismo di The People v. O.J. Simpson: American Crime Story

Miglior regia per uno speciale varietà

  • Thomas Kail e Alex Rudzinski, per Grease: Live
    • Louis J. Horvitz, per la cerimonia dei Grammy Awards 2016
    • Kahlil Joseph e Beyoncé Knowles Carter, per Lemonade
    • Beth McCarthy-Miller, per Adele Live in New York City
    • Chris Rock, per Amy Schumer: Live at The Apollo
    • Glenn Weiss, per la cerimonia dei Kennedy Center Honors

Miglior sceneggiatura per una serie drammatica

  • David Benioff e D. B. Weiss, per l’episodio La battaglia dei bastardi de Il Trono di Spade
    • Sam Esmail, per l’episodio Ciao amico di Mr. Robot
    • Julian Fellowes, per l’episodio 6×08 di Downton Abbey
    • Joel Fields e Joe Weisberg, per l’episodio Persona Non Grata di The Americans
    • Robert e Michelle King, per l’episodio End di The Good Wife
    • Marti Noxon e Sarah Gertrude Shapiro, per l’episodio Ritorno di Unreal

Miglior sceneggiatura per una serie commedia

  • Aziz Ansari e Alan Yang, per l’episodio Genitori di Master of None
    • Alec Berg, per l’episodio The Uptick di Silicon Valley
    • Rob Delaney e Sharon Horgan, per il primo episodio di Catastrophe
    • Alex Gregory e Peter Huyck, per l’episodio Mother di Veep – Vicepresidente incompetente
    • David Mandel, per l’episodio Morning After di Veep – Vicepresidente incompetente
    • Dan O’Keefe, per l’episodio Founder Friendly di Silicon Valley

Miglior sceneggiatura per un film, miniserie o speciale drammatico

  • D.V. DeVincentis, per l’episodio Marcia, Marcia, Marcia di The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Scott Alexander e Larry Karaszewski, per l’episodio Dalle ceneri della tragedia di The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Joe Robert Cole, per l’episodio La carta del razzismo di The People v. O.J. Simpson: American Crime Story
    • Bob DeLaurentis, per l’episodio Loplop di Fargo
    • David Farr, per The Night Manager
    • Noah Hawley, per l’episodio Palindromo di Fargo

Miglior sceneggiatura per uno speciale varietà

  • Patton Oswalt, per Patton Oswalt: Talking for Clapping
    • John Mulaney, per John Mulaney: The Comeback Kid
    • Tig Notaro, per Tig Notaro: Boyish Girl Interrupted
    • Amy Schumer, per Amy Schumer: Live at The Apollo
    • Robert Smigel, David Feldman, RJ Fried, Michael Koman, Brian Reich, Andy Breckman, Josh Comers, Raj Desai, Jarrett Grode, Ben Joseph, Matthew Kirsch, Michael Lawrence, Craig Rowin, Zach Smilovitz, David Taylor e Andy Weinberg, per Triumph’s Election Special 2016

– Lidia Marino – 

Rispondi