I diabolici, il film che influenzò Hitchcock

Tutti noi abbiamo imparato a conoscere e ad amare il grande Alfred Hitchcock, regista di film che sono diventati delle vere e proprie perle della storia del cinema. Quello che forse in pochi sanno è che lo stesso Hitchcock ha attinto dal genio di un altro regista per dare vita al famoso Psyco, sto parlando del regista francese Henri-Georges Clouzot.

Il film in questione è “I diabolici” (Les diaboliques), un thriller psicologico del 1955, tratto dal romanzo “Celle qui n’était plus” scritto da Pierre Boileau e Thomas Narcejac.

Il film si svolge in un collegio situato nella periferia di Parigi. La direttrice è Christina Delassalle, una donna malata di cuore, sposata con un uomo autoritario e traditore, di nome Michel. La sua amica, Nicole, amante del suo sposo, convince la donna che l’unico modo per liberarsi, una volta per tutte, dalla violenza dell’uomo è quello di porre fine alla sua vita. L’amante ha in mente il piano perfetto: attrarre Michel nella sua città natale, Niort, a quasi dieci ore di auto da Parigi, annegarlo e in seguito portare il cadavere in collegio per farlo ritrovare nella piscina dell’istituto. Il piano viene attuato e le due donne si macchiano del tremendo delitto. Ma al loro ritorno in istituto capiscono, immediatamente, che nulla andrà come avevano previsto. Una serie di misteriose apparizioni fanno pentire Christina del suo gesto e la misteriosa scomparsa del cadavere getta le due donne nel caos.

Il film di Clouzot tenta di ricordare al suo spettatore che il filo che distingue i colpevoli dagli innocenti è, alle volte, molto sottile. Il regista, per tutta la durata del film, rimane coerente alla sua idea iniziale, cioè quella che chiunque, uomo o donna, nasconde, nelle viscere del suo animo, una propensione al male, all’inganno e alla ritorsione. “I diabolici” rappresenta uno dei primi grandi esempi del cinema del suo genere, e il suo regista, oltre ad essere stato definito l’Hitchcock francese, si dice che sia stato molto più furbo del “maestro del brivido”. La leggenda narra che il caro Alfred sia sempre stato interessato ad acquistare i diritti del romanzo “Celle qui n’était plus” ma, si dice, che sia arrivato davanti agi scrittori, solo poche ore dopo che Clouzot aveva concluso l’affare. Nel 1996, si diede vita al remake del film, intitolato “Diabolique” e diretto da Jeremiah S. Chechik, con Sharon Stone e Isabelle Adjani nel ruolo delle due protagoniste, Chazz Palminteri  nel ruolo del marito del personaggio della Adjani, e Kathy Bates nei panni della detective.

Per chiudere, direi che è il caso di lasciarci con le parole del messaggio proiettato per lo spettatore, alla fine del film:  “Non siate DIABOLICI! Non distruggete l’interesse che i vostri amici potrebbero nutrire per questo film. Non raccontate loro quello che avete visto. Grazie per loro

Buona visione a tutti!

– Giuseppina Serafina Marzocca – 

Rispondi