I 40 anni del gattone Garfield

Il mitico gattone Garfield, protagonista del fumetto internazionale di Jim Davis, compie oggi 40 anni. Il felino pigro e goloso fece infatti la sua prima apparizione il 19 giugno 1978, quando l’autore venne rifiutato da diversi redattori con il progetto precedente dedicato a degli insetti (Gnorm Gnat). Scelse dunque di creare altro e, dato che in quel periodo molti protagonisti dei fumetti erano cani, decise di basare la sua idea su un gatto. Il nome del protagonista lo prese da quello di suo nonno: Davis James A. Garfield. Nel 1981, la popolarità di Garfield fu tale che apparve su 850 articoli. Nel 2002, il totale arrivò a 2.570, con un pubblico approssimativo di 263 milioni di lettori in tutto il mondo, numeri che lo fecero entrare nel Guinness World Record per il fumetto più diffuso al mondo.

Considerato il carattere misantropo e irascibile del gatto, non ci risulta strano capire il perché di tanta popolarità. Odia il lunedì, ama le lasagne, non riesce a carburare prima del caffè: è un po’ uno di noi. Di certo l’idea vincente è stata anche quella di renderlo un gatto, proprio per la natura egocentrica di questo fantastico animale. Fu presto portato in televisione nei primi anni ’80 in una serie di fumetti speciali della CBS e poi in Garfield and Friends (1988-94) e nel revival The Garfield Show (2008), doppiato rispettivamente dai toni assonnati di Lorenzo Music e Frank Welker. È anche apparso in due film della CGI: Garfield: The Movie (2004) e nel sequel Garfield: A Tail of Two Kitties (2006) – interpretato in entrambe le occasioni, perfettamente, da Bill Murray.

Tutto ciò ha portato il personaggio a diventare uno dei più riconoscibili nelle vignette americane, al livello di vari volti Disney e Warner Brothers, o del gruppo dei Peanuts di Charles Schulz. Per dire, un enorme gonfiabile di Garfield è praticamente sempre presente nella famosissima Macy’s Day Parade di New York ogni Ringraziamento. In Italia forse potete vederlo meno di recente nei negozi, ma tutti saprebbero riconoscerlo. A voi piace? Intanto facciamogli tanti auguri!

– Lidia Marino – 

Rispondi