Halloween: 5 film alternativi per una serata inquietante

Dopo avervi consigliato musiche e stuzzichini a tema Halloween non poteva mancare anche quest’anno una mini selezione di film adatti alla serata più paurosa dell’anno. Ho scelto per voi cinque pellicole che non hanno tutti le caratteristiche tipiche del film dell’orrore, ma hanno le carte in regola per inquietare lo spettatore, rendendo la loro visione tutt’altro che facile. Bando alle ciance e prepariamoci per questa serata pre Halloween con 5 film alternativi per una serata inquietante

Inizierei con Sweeney Todd- Il diabolico Barbiere di Fleet Street, interpretato da un impeccabile Johnny Depp e affiancato da un’adorabile (nonché malinconica) Helena Bonham Carter nei panni di Mrs. Lovett, diretti da Tim Burton in quello che è la commedia musicale più tetra di sempre. Vi ritroverete infatti catapultati in una grigia Londra, alle prese con un uomo disperato che dalla vita non si aspetta più nulla, sopravvive solo per ottenere la sua vendetta. Vale sempre la pena rivedere questo capolavoro, lasciandosi trasportare dalle musiche e dalle tonalità drammatiche e malinconiche del film. I giusti toni per la serata di Halloween al motto di “Never forgive, never forget!”; adatto per chi è in cerca di un classico, un film magistralmente diretto e recitato, di quelli che non deludono mai e riescono sempre a inquietare, canticchiando allegramente (o quasi)

Cambiando ambientazione passiamo a Bed Time, thriller spagnolo del 2011. Un film dalla trama particolare: siamo alle prese con Cesar, portiere sociopatico e apatico di un condominio di Barcellona, e un’inquilina , Clara, ragazza dolce e solare. A legare i due sarà un rapporto del tutto insolito nonché malato, una specie di ossessione nascosta, che si dipanerà per tutta la durata del film. Cesar si rivelerà astuto e malvagio, perfino pericoloso. Clara invece ingenua e indifesa sarà la vittima perfetta. Angherie di ogni tipo si susseguiranno in una climax degna dei migliori film psicologici, di quelli che ci fanno entrare nei meandri più oscuri della mente umana. Inquietante proprio perché verosimile: l’orrore a volte si nasconde dentro chi meno ci aspetteremo.

Con Autopsy ci avviciniamo al film horror più tradizionale: un cadavere non identificato, una giovane donna rinvenuta nel seminterrato di una casa in cui la polizia è alle prese con pluri-omicidio dalle dinamiche insolite. Il medico legale, affiancato dal figlio, si trova a lavorare in una notte da brividi con un cadavere che al suo interno cela un enigma. Riusciranno a venirne a capo? Bloccati in un seminterrato, rumori gracchianti, cadaveri che sembrano prender vita, un’autopsia che taglio dopo taglio si rivela sempre più insolita … Black out improvvisi! L’atmosfera è giusta per lasciarsi spaventare, perché quando meno ve lo aspetterete accadrà l’inimmaginabile: state pur certi che il cuore perderà un battito anche nei più coraggiosi di voi.

Oculus è l’horror per eccellenza: storia di Tim e Kaylie, fratello e sorella alle prese con un passato ingombrate con cui fare i conti. Il piano dei due è quello di distruggere uno specchio appartenuto al padre e a cui sono legati ricordi ed eventi spiacevoli dell’infanzia; con alternanza tra presente e passato ritroverete tutti gli elementi dell’horror degli ultimi anni: un trasloco, eventi soprannaturali che distruggono una famiglia, ospedali psichiatrici e la lotta tra realtà e paranormale che porterà a un epilogo disatteso. Punto a favore del film è la modalità con cui si è deciso di narrare la storia: non mancano colpi di scena, c’è uno studio della trama ben articolato e nel momento in cui pensi di aver capito come andranno a finire le cose, beh, le carte in tavola cambiano e si stravolge l’equilibrio.

Per finire un film recente, Get out, vincitore dell’oscar per miglior sceneggiatura originale nel 2018. Si tratta di un film insolito che cerca di mischiare tra loro il genere horror e il thriller senza però rinunciare a una buona dose di satira che quasi lo riporta nei canoni classici della commedia. Un potpourri cinematografico che ,mescolando tra loro elementi apparentemente incompatibili, riesce a portare la storia ad un livello narrativo impensabile: inquietante proprio perché insolito. La trama non è facilmente riassumibile, vi basti sapere che si parla di razzismo, psicologia, ipnosi! Una coppia di giovani fidanzati, Chris e Rose, passerà il weekend presso la casa della famiglia di lei e rimarranno incastrati in un’insolita trasferta dell’orrore.

Questo è tutto: spero di avervi dato le informazioni per poter scegliere il film che farà al caso vostro o, perché no, potreste guardarli tutti; vi auguro di trascorrere  un’inquietante serata di cinema casalingo!

– Jessica Bua – 

Rispondi