Gli Aerosmith e il Farewell Tour

1Sì, avete capito bene, il Farewell Tour, perché il gruppo storico ha deciso, dopo quarant’anni di carriera, di mettere la parola fine alla loro musica e di godersi un ultimo addio con i fan, prima di ritirarsi dal mercato musicale. Del resto, negli ultimi tempi c’erano stati vari annunci che facevano temere questo risvolto, ma ora è proprio ufficiale, dopo l’annuncio al programma televisivo americano The Howard Stern Show. Un 2017, dunque, difficile per i fan di questa mitica band, ma che rende orgogliosi, vista la loro incredibile forza nel continuare per così tanto, sempre uniti come i primi tempi.

 Le parole di Steven Tyler sono state le seguenti: Farò trenta concerti solisti da maggio ad agosto. Poi, nel 2017, sarà il turno degli Aerosmith. Probabilmente faremo un tour di addio. Ci sono due band che hanno ancora i membri originali, noi e gli Stones. Sono contento per questa cosa. Se faremo un tour di addio oppure se andremo in studio a fare un altro disco, io sono comunque entusiasta. L’accento sulla propria carriera solista è una furbata, che porterà più gente ai suoi concerti, lo sappiamo e apprezziamo il suo genio commerciale! Quanto alla rarità del gruppo di mantenere ancora i suoi membri originali… tanto di cappello e una lacrimuccia scende sulla guancia. Noi, ovviamente, non possiamo che sperare che questo tour, se si farà, toccherà anche l’Italia; un desiderio magari difficile da realizzare, ma non impossibile.

Il motivo dell’abbandono? Molti hanno puntato l’accento su una probabile mancanza di stimoli, ma Tyler si limita a parlare dell’età e non credo che sia motivazione migliore: del resto, preferiamo così piuttosto che vederli smembrarsi e ricomporsi con altri musicisti, pur di continuare. O almeno io la vedo così. Stiamo pensando di mettere insieme un qualcosa che potremmo chiamare Farewell tour: sarebbe molto bello fare un lungo giro per dire grazie. Aspettiamo, dunque, ulteriori dettagli circa questo tour della band di Boston e nel frattempo consumiamo i loro precedenti album.

– Lidia Marino – 

Rispondi