Giovani promesse: Sophia Lillis

Come promesso, questa settimana parliamo di una tra le più recenti giovani promesse: Sophia Lillis ha ben poca filmografia alle spalle, tuttavia buona parte di essa la vede come protagonista, a significare che le sue doti sono state chiare fin da subito.

Ha cominciato con una parte minore nell’adattamento diretto da Julie Taymor dello shakespeariano A Midsummer Night’s Dream, proseguendo con il poco noto 37, tuttavia sale subito alla ribalta nel 2017. È in quell’anno, infatti, che appare come l’unica componente femminile del Club dei Perdenti ideato da Stephen King e portato per la seconda volta sullo schermo da Andrés Muschietti: il suo personaggio, Beverly Marsh, è una delle vittime del mostro Pennywise, già conosciuto per la miniserie del 1990 con Tim Curry.

It è stato un vero trampolino di lancio per Sophia Lillis, che dopo essere apparsa nella miniserie Sharp Object (2018) ha interpretato l’iconico ruolo di Nancy Drew nel film di Katt Shea Nancy Drew e il passaggio segreto (2019). Da qui in poi, pare che Sophia non possa fare a meno di essere scelta come attrice protagonista: dopo It – Capitolo due, torna con la serie Netflix I Am Not Okay with This (2020), cancellata dopo una sola stagione anche a causa della pandemia. Qui l’attrice è la diciassettenne Syd, che sta cominciando pian piano a manifestare i propri superpoteri.

Come abbiamo già visto, le attrici “nate” dall’horror tornano presto all’horror, e questa non è un’eccezione. Oz Perkins sceglie Sophia Lillis per la sua Gretel nel film del 2020 Gretel e Hansel, adattamento della fiaba dei fratelli Grimm. Presentata infine al Sundance Film Festival nel gennaio dello stesso anno è Zio Frank, pellicola di Alan Ball con Paul Bettany e ovviamente Sophia Lillis.

Ci ritroviamo fra due settimane per una promessa nata davvero molto “giovane”, un attore che non smetterà presto di stupirci.

– Sara Carucci –

Rispondi