Genialità dei titoli dei film porno

1Se immaginate che girare un film porno voglia dire assoldare due operatori di macchina cinquantenni per riprendere una squallida coppia che emette gemiti poco convincenti in una catapecchia dai muri scoloriti vi sbagliate di grosso. Il porno è un business che produce tra i 10 milioni e i 14 milioni di dollari l’anno, e anche se i livelli non sono quelli del cinema d’essai, produttori, attori, registi hanno il loro orgoglio artistico!

Infatti, hanno creato anche l’Adult Video News Award, per gli amici Oscar del porno, per premiare i più brillanti fra loro; ovviamente, l’Italia ha conquistato numerosi premi: Rocco tiene alto l’onore della patria. I premi riguardano ben 100 categorie, molto simili a quelle degli Oscar, ma secondo me un premio speciale andrebbe a coloro che inventano i titoli! C’è, infatti, una vera genialità dei titoli dei film porno, ammettiamolo!

I più accattivanti sono quelli che fanno la parodia dei grandi classici del cinema: come resistere a Profondo Rotto, Ben Dur, Palpate il soldato Ryan? Non dimentichiamoci di Topa Gun, Tette e ani in Tibet, Missionary Position Impossible, 20.000 seghe sotto i mari. Se pensate che le trame degli originali si prestino poco al porno, rimarrete sorpresi da Shindler’s FistFan della commedia? Che ne pensate di Rocco ti presento Sally, 3 Metri sopra il pelo, L’allenatore con fallone?

I nerd di tutto il mondo non potranno non ridere di fronte a Tromb Raider, In Diana Jones, XXX-Men, World of Whorecraft. Ma l’industria porno non si dimentica neppure dei grandi fan della Disney, e produce: La spada nella Doccia, Cappuccetto Rotto, La caricano in 101, Mary Pompins. Non si salvano neppure le serie tv: preparatevi a Sex Files, Gay of Thrones, Sasha Grey’s Anatomy. E i musical? Tranquilli, c’è Breast Side Story.

A quanto pare, la fantasia e l’ironia non mancano in questo campo e sono sicura che chi ci lavora sosterrebbe che c’è da divertirsi!

– Mangoberry – 

Rispondi