Eventi artistici ora presenti in Italia: Calabria

Scendiamo sempre di più nel nostro Stivale, andando a scoprire gli eventi artistici della Calabria. Come avrete notato, mancano all’appello ben tre regioni: Val D’Aosta, Molise e Basilicata. Nonostante io abbia cercato approfonditamente per conoscere mostre in quei luoghi, non sono riuscite a trovarne, ma se qualcuno del posto dovesse essere più informato di me, sarei più che felice di integrarli. Intanto, abitanti della Calabria, godetevi il vostro momento:

Alberto Burri e i Poeti – Materia e suono della materia1Fino al 28 Febbraio sarà presente a Rende, al MAON Museo d’arte dell’Otto e del Novecento, l’evento curato da Bruno Corà – presidente della Fondazione Burri – , e da Tonino Sicoli – direttore del MAON -, che si inserisce nell’ambito delle Celebrazioni per il Centenario della nascita di Alberto Burri (1915–2015), figura fra le più rappresentative della ricerca artistica più avanzata, riferimento indiscusso delle avanguardie del secondo Dopoguerra. La sua arte ha influenzato il lavoro di altri grandi artisti del Secondo Novecento, come ad esempio Robert Rauschenberg, uno dei maggiori esponenti del New Dada e ispiratore della Pop Art americana. Grazie alla collaborazione con la Fondazione Burri, accanto ad una grande opera del maestro, sono affiancate numerose altre sue creazioni, che testimoniano il suo rapporto assiduo e particolare con la poesia e i poeti. Per orari e prezzi, rivolgersi alla mail.
Per ulteriori informazioni: 
E-mail: info@maon.it

Raccolta differenziata di Arte Contemporanea – Installazione ambientale satirica2Fino al 20 marzo la Sala Estemporanea del MACA (Museo Arte Contemporanea Acri) ospita l’installazione ambientale Raccolta differenziata di Arte Contemporanea. Il progetto dell’opera, a cura di Silvio Vigliaturo, prende ispirazione da un evento recente che coinvolge l’addetta delle pulizie del Museion di Bolzano, che ha inavvertitamente buttato nella spazzatura l’installazione Dove andiamo a ballare questa sera?, delle artiste Sara Goldschmied ed Eleonara Chiari. Questa installazione prende la forma di un labirinto composto da undici teli di grandi dimensioni, che riportano interamente due articoli inerenti a tale avvenimento e una collezione di immagini di opere che hanno subito un trattamento simile a questo. L’intento dell’opera è ironico e satirico e viene palesato dalla presenza di un video, che chiude il percorso, in cui vengono ripresi spezzoni di film e programmi televisivi che ironizzano sul mondo dell’arte e i suoi vizi spesso assurdi e di maniera. La mostra è aperta dal martedì al sabato, seguendo gli orari 9-13 e 15,30-19,30, mentre la domenica 10-13 e 15,30-19,30.
Per ulteriori informazioni:
E-mail: info@museomaca.it

McMafia: la mafia nel fumetto 3

Dal 27 febbraio al 26 marzo, all’interno del Museo del Fumetto di Cosenza aprirà la prima mostra-racconto dei fenomeni criminali e dell’impegno contro le mafie nella produzione fumettistica dal secondo dopoguerra ad oggi. Dalle surreali rappresentazioni del fenomeno mafioso nelle tavole di Dylan Dog alle celebri graphic novel di Becco Giallo e Round Robin Editrice sugli eroi dell’antimafia, passando per le storiche avventure dell’agente di polizia Nick Rider nella Little Italy newyorkese, e per le matite di autori geniali come Gipi, Biani, Mannelli, Natangelo, Natoli, Staino e moltissimi altri ancora. Realizzata per i dieci anni dell’Associazione daSud, Mc Mafia è un grande lavoro di ricerca che raccoglie le opere originali, novanta per la precisione, di oltre quaranta autori, distanti tra loro per provenienza e stili, con l’obiettivo di mostrare come i fenomeni criminali siano stati raccontati nel corso degli anni e come è cambiato l’immaginario. Aperto tutti i giorni, escluso i lunedì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30, per un biglietto di 3 euro.
Per ulteriori informazioni: 
Sito Web: www.museofumetto.it

– Lidia Marino – 

Rispondi