Emma Stone vince come Miglior attrice protagonista

Non credo che nessuno di noi sia stupito da questo risultato: la bella Emma Stone vince come Miglior attrice protagonista, portandosi a casa la sua prima statuetta, dopo essere stata candidata anche nel 2015 per Birdman. Se posso essere del tutto sincera, per quanto io abbia praticamente venerato La La Land e per quanto io adori la Stone sia come interprete che come ragazza – o almeno l’immagine che viene fuori dalle interviste -, mi dispiace un po’ che sia riuscita a emergere con un ruolo così delicato, perché trovo che dia il suo massimo anche osando un po’ di più. Però non si può dire che non l’abbia meritato: anche solo la sequenza del suo primo provino o del suo ultimo bastano per convincere chiunque.

Per la sua Mia, del resto, si era aggiudicata anche la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, il Golden Globe, lo Screen Actors Guild Award e il BAFTA, lasciando ben poche speranze alle sue rivali, sebbene molti davano come favorita anche Isabelle Huppert. Sulla sua presenza in questo stra-premiato e bellissimo film, la Stone ha dichiarato: “Questo film non è per nulla cinico. Parla di sogni e romanticismo, sentimenti che i giovani hanno perso. Oggi sono tutti cinici, si divertono a trovare continuamente difetti in ogni cosa: spero che questo film possa mostrare loro che amare e sognare con passione è una cosa meravigliosa”.

Per Emma Stone si tratta del terzo film insieme a Ryan Gosling, e, visti i risultati della loro chimica speciale (come ha confermato lei stessa: “Poter contare su qualcuno che stimo e rispetto e di cui mi posso fidare come Ryan è una cosa fantastica. Sapevamo già ballare e cantare entrambi, ma insieme abbiamo dovuto imparare i balli da sala: diciamo che Ryan è molto bravo a condurre.), noi speriamo che non sarà l’ultimo

– Lidia Marino – 

Rispondi