Emilia Clarke – Grazie Khaleesi, ma ora devo andare avanti

Dalla grandiosa serie de Il Trono di Spade, è nata più di una stella. Una di queste è Emilia Clarke, una attrice inglese catalogabile nella categoria “bella & brava” senza rischio di smentita. Ma, come in tutte le serie (televisive o cinematografiche), gli attori e le attrici rischiano di rimanere incastrati nel proprio personaggio, come è successo a Daniel Radcliffe con Harry Potter o a Ronn Moss, il famosissimo volto di Ridge Forrester, o come non è successo a Jennifer Lawrence che è riuscita ad alternare ruoli importanti (come Il Lato Positivo che le è valso l’Oscar) a ruoli più caratteristici (il suo volto rimarrà quello di Katniss Everdeen della saga di Hunger Games e quello della nuova Mystica nella saga deli X-Men). Ma torniamo a parlare di Emilia.

È cresciuta nelle campagne inglesi e dopo un difficile e tortuoso percorso di studi ha realizzato il suo sogno. La perdita del padre e le prime difficoltà dopo il diploma alla “Drama Centre School” non le sono d’aiuto, ma il suo animo determinato e curioso di conoscere il più possibile ciò che accade nel mondo non sono irrilevanti. Da sempre nutre la sua intelligenza, esaltando più quella che ogni altra sua qualità estetica.

Due anni di gavetta e spettacoli teatrali, poi arriva il provino fortunato. Lei forse può definirsi “Nata dalla Tempesta”, un epiteto consono se pensiamo alla sua vita, e così è adatta al ruolo di Khaleesi. Emilia Clarke deve molto alla serie tv Il trono di Spade, in cui interpreta la Regina dei Draghi Daenerys Targaryen, ma ora, dopo sette stagioni è decisa a spiegare le ali e volare verso nuovi progetti e ambizioni personali impegnative e appaganti. Da poco ci ha regalato una performance indimenticabile nel film Io prima di te a fianco di Sam Claflin, dove mostra tutta la sua bravura come attrice drammatica, fuori dal genere Fantasy. I suoi enormi sorrisi, due sopracciglia con cui ci regala espressioni buffe e intense allo stesso tempo non possono che farla apparire sorprendente nel mondo del cinema. Talento, determinazione, originalità. Lei ha tutte le qualità per fare strada.

Emilia in un intervista a Rolling Stone ha affermato di essere riconoscente per il ruolo di Daenerys, avendole permesso di diventare una celebrità quando ancora nessuno la conosceva e ancora di più di esaltare i diritti delle donne, soprattutto per le scene di nudo e di guerra che si vedono negli episodi della serie, ma ora è decisa a concludere questo enorme progetto per seguirne altri. La vedremo diretta da Ron Howard in Han Solo: a Star Wars Story, e chissà poi cos’altro ci riverserà la nostra dolce Emilia.

– L’Inattendibile Parola –

Rispondi