Dove li ho già visti? Altri 10 attori da una serie all’altra

Dove li ho già visti? finisce come è iniziato, ovvero con 10 attori che sono passati da una serie tv famosa ad un’altra, sempre con ruoli importanti.

DAVID BOREANAZ

1Probabilmente il nome non vi dirà niente, ma il suo viso sì. David è stato Angel, il vampiro buono di Buffy – l’Ammazzavampiri e protagonista dello spin off chiamato proprio Angel. Quando nel 2004 ha finito l’esperienza da vampiro, non ci ha messo molto a scrollarsi quel personaggio di dosso, diventando subito un agente dell’FBI di nome Seeley Booth, che viene affiancato da una antropologa forense dai comportamenti strani, di nome Temperance Brennan o, in arte, Bones.

David ha anche partecipato a qualche sporadico film (come Il corvo – Preghiera maledetta il quarto film della serie Il Corvo, probabilmente il meno conosciuto), ma è nelle serie TV che trova la sua dimensione. E tutti ora siamo contenti per lui, perché Booth (ormai il suo alter ego) si è messo con Bones, anche se, nella vita, si accompagna ad una ex coniglietta di Playboy.

RICHARD DEAN ANDERSON

2Quando parlo di lui, non riesco a non sentire nelle orecchie la sigla di MacGyver, con le sue tastiere sintetizzate, la sua batteria, la sua inconfondibile armonia anni ’80 ed il suo odore di giovinezza. MacGyver era l’agente che aiuta i deboli, rispetta l’ambiente, ama il prossimo ed è fiducioso nella Legge. Quello che, con un termostato, una puntina da disegno e tre chiodi, ti ricreava l’aria di festa del carnevale dell’86. Quello che con una corda, un metro e 5 grucce, ti creava un mitra a ripetizione che non uccide. Quello che con una batteria di pentole ed un set di materassi Eminflex, ti ha creato Giorgio Mastrota.

Poi sono arrivati gli anni 2000, la voglia di nuova fantascienza e le innumerevoli serie basate sul film Stargate. SG-1, Atlantis, UniverseRichard è stato in tutte e 3, anche se la sua serie era SG-1, la capostipite di questo filone. E dall’agente hippy, è passato ai marines, ovvero alla sua antitesi.

E dopo Stargate? Dopo si è ingrassato…

DAVID DUCHOVNY

3Oltre ad aver pubblicato un album, David è il Fox Mulder di X Files. Dico “è” e non “era”, perché X Files sta tornando, ma forse voi già lo sapevate. Così, dopo alieni e strane presenze, dopo aver scartabellato file sconosciuti ai più (teoricamente), dopo aver stupito tutti con fantasmi, alieni e strani complotti, David è diventato uno scrittore in cerca di ispirazione. Infatti, nel 2007, è diventato il protagonista di Californication, interpretando Hank Moody, uno scrittore senza più voglia di scrivere, con un libro nichilista che viene trasportato al cinema come una commediola romantica (come succede nella vita reale…), un divorzio alle spalle con una donna che ama ancora, una figlia rompiscatole (che molti catalogherebbero come ribelle, ma per me rompono solo le scatole) col quale riallacciare il rapporto… detta così, sembra una cosa già vista.

Ex marito di Tea Leoni (dalla quale ha avuto due figli), David prende tutto con filosofia, praticando Yoga e professandosi pescetariano. Cosa sono i pescetariani? Quelli che non mangiano la carne, ma solo il pesce, oltre a verdure e frutta. Ricordate di averlo visto mangiare una bistecca in una puntata? Io no.

NOAH WYLE

4Oltre al nome biblico, Noah era John Carter… no, non quello che va su Marte. Era il John Carter di E.R – Medici in prima linea. Il suo personaggio è l’unico ad esserci ininterrottamente per 11 stagioni, comparendo in ben 254 episodi. Un numero alto, se consideriamo che E.R. è il classico telefilm in cui non c’è un protagonista singolo. E poi ricompare anche in altre puntate come guest star nelle varie stagioni successive.

Poi, però, una potente razza aliena ha invaso il mondo e Noah ci si è trovato in mezzo. Parliamo di Falling Skies, dove Noah è Tom Mason, il protagonista. Certo, forse parlando di alieni, il nome John Carter aveva un senso, ma chi siamo noi per criticare?

WILLIAM SHATNER

5Ed ho detto tutto!
No, forse è meglio parlarne. Parliamo di Star Trek, parliamo del primo Capitano Kirk. Parliamo degli anni ’60. Parliamo di una fantascienza visionaria che ha anticipato gran parte delle innovazioni realmente create, come l’auricolare bluetooth e la video chiamata… certo, ancora aspettiamo il teletrasporto.

William, un nome, una garanzia. Arrivati agli anni ’80, lo vediamo diventare protagonista della serie T.J. Hooker, interpretando proprio il Sergente Thomas Jefferson “T.J.” Hooker, un poliziotto con la vita segnata da un difficile divorzio e dalla morte del suo precedente collega. Una vera serie anni ’80, fatta da azioni rocambolesche e pallottole.

Passano altri 20 anni e arriviamo agli anni 2000. 2004, precisamente. William diventa co-protagonista nella serie Boston Legal. “Co”, perché il vero protagonista è Alan Shore, interpretato da James Spader, un avvocato che lavora nell’ufficio legale di Denny Crane (interpretato da Shatner), un avvocato dal passato glorioso, ma ormai colto da attimi di follia e momenti di boria. Beh, aspettiamo il 2020.

JAMES SPADER

6Torniamo a parlare di Boston Legal, e di James Spader. Ne abbiamo appena parlato, lui è il protagonista della serie, interpretando Alan Shore. Sì, alcuni di voi diranno “Ehi, ma lui è il dott. Daniel Jackson del film Stargate!“. Sì, è vero, ma non ha fatto nessuna delle serie TV.

Ha fatto, anzi, sta facendo, The Blacklist, la serie dove l’agente Elizabeth Keen si ritrova a lavorare in vari casi, restando a stretto contatto con uno dei più pericolosi criminali ricercati dall’FBI: Raymond “Red” Reddington. James interpreta proprio Red, con un’interpretazione magistrale. Sembra avere una faccia da pazzo molto naturale.

JOHN SCHNEIDER

7Chi di voi non ha mai provato ad entrare in macchina come facevano Bo e Luke in Hazzard, facendosi male? Parliamo della serie dei primi anni ’80 che parla delle storie della famiglia Duke e, soprattutto, dei due fratelli Bo e Luke e della loro Dodge Charger del ’69, che loro chiamano “Generale Lee“. John interpretava Beauregerd “Bo” Duke, il biondino dei due fratelli.

Poi ha messo la testa a posto. Si è fatto una famiglia, una casa in campagna, una fattoria ed un figlio… alieno. Sì, alieno, perché John interpreta Jonathan Kent, il padre di Clarke, futuro Superman, nella serie di Smallville che racconta la storia di Clarke quando era ancora un adolescente. Il periodo in cui Clarke si scambiava le camicie a quadri col padre.

JERRY O’CONNELL

8Jerry era un ragazzetto, quando l’ho conosciuto io. Parliamo della serie Il mio amico Ultraman., dove Jerry interpretava Andrew Clements, un quattordicenne che si ritrova ad avere vari super poteri dopo essere stato esposto accidentalmente ad un raggio fotonico. Una serie TV che ha segnato una generazione: quando vedrete uno con due bombolette spray che simula di volare con esse, ha visto Ultraman.

Poi Jerry è diventato un inventore, capace di creare un oggetto che crea un portale tra dimensioni parallele in I viaggiatori. Qui Quinn Mallory (il suo personaggio) viaggia, insieme ad un gruppo di amici, tra varie dimensioni più o meno diverse da quella da dove provengono. Il loro scopo è tornare a casa, ma non ci riescono. Una curiosità: nel cast, tra gli amici di Mallory, c’è ilProf. Maximillian Arturo, interpretato John Rhys-Davies. Come chi è? Gimli, del Signore degli Anelli.

Ma torniamo a parlare di Jerry, ma di un’altra serie: Crossing Jordan. Qui la dottoressa del coroner Jordan Cavanaugh, si ritrova spesso a ficcanasare nei casi dove lavora, spesso disturbando il detective Woody Hoyt, interpretato da un ormai più maturo Jerry O’Connell. E, purtroppo, alla fine non si mettono insieme.

DYLAN WALSH

9Nip/Tuck accolse Julian McMahon, attore già famoso per le sue apparizioni in… ehi, ne abbiamo già parlato. Ma non abbiamo parlato di Dylan Walsh, il co-protagonista della serie. Il suo passato vede numerosi film, ma poco successo. Il più importante è We Were Soldiers nel 2002. Poi arriva la “chiamata” in Nip/Tuck, dove appare come Sean McNamara, abile chirurgo estetico di Miami, insieme al suo collega Troy. Qui Dylan trova il suo successo.

Poi lo vediamo affermarsi in un’altra serie TV: Unforgettable. Qui interpreta l’agente Al Burns, della squadra omicidi del Queens (un quartiere tranquillo, insomma.), che chiede all’ex agente e sua ex collega Carrie Wells (Poppy Montgomery) di entrare nella sua squadra. Carrie è affetta da Ipertimesia, che le dona una memoria eidetica su quello che vive in prima persona. Piccola curiosità: l’attrice Marilu Henner, affetta realmente da ipertimesia, è stata la consulente di Poppy Montgomery per tutta la durata della serie (che, tra l’altro, ancora continua).

DAVID ANDERS

10Lo avete riconosciuto? No?!
Ok, allora vi dico cosa ha fatto. Ricordate Alias? Lui è Julian Sark, la spia de “L’Uomo” dall’accento inglese, vagamente irlandese.

Ora l’avete riconosciuto? Ancora no?
E se vi dicessi che lui era anche Adam Monroe, alias Tagenzo Kensei, l’uomo (o leggenda) capace di rigenerarsi che compare nella seconda stagione di Heroes?

Ancora no? Siete incredibili.
Allora parliamo di C’era una volta e del personaggio del Dr. Whale, ovvero di Victor Frankestein. Anche questo ruolo era suo.

Se non l’avete ancora riconosciuto, non avete visto mai una serie tv. Io continuo con le sue parti importanti: John Gilbert in The Vampire Diaries? Dai che l’avete riconosciuto. Ultimamente lo vediamo anche in iZombie, dove interpreta Blaine DeBeers, uno spacciatore diventato zombie, la cui droga è la causa di questa epidemia.

L’avete riconosciuto? Sì? Oh!

Vi ringrazio per aver seguito questo editoriale. Dove li ho già visti? ci lascia nel suo formato settimanale, ma potrebbe tornare in edizioni speciali una tantum. Voi rimanete connessi.

– Giorgio Correnti –

Rispondi