Come preparare il sushi in casa

1
Ne abbiamo già parlato varie volte: la cucina giapponese negli ultimi anni non è solo una moda, ma un vero e proprio nuovo amore per gli italiani. All you can eat ovunque, concorrenza sempre più grande alla pizza e all’altra cucina asiatica, quella cinese (che però di solito è presente nei ristoranti che forniscono un servizio completo di entrambe le culture culinarie) e pura ossessione per gli appassionati. Però non sempre è possibile andare al ristorante, perciò, per togliersi ogni sfizio, dovreste tutti imparare come preparare il sushi in casa. In realtà è molto più semplice di quello che potreste pensare, quindi armatevi di attenzione e pazienza e immaginate quante volte potrete affogarvi nel vostro pesce crudo, una volta imparato. Che cosa vi serve per iniziare? Assicuratevi di avere salsa di soia, wasabi e la stuoia di bambù, che sarà necessaria per dare la forma al riso.

3Andate al supermercato e acquistate il riso di qualità Japonica, reperibile in qualsiasi supermercato ed acquistatene la quantità necessaria per quante persone dovrete sfamarci (per una cena per quattro persone mezzo chilo di riso dovrebbe bastare… ma se siete molto golosi, abbondate!). Riempite una ciotola capace di contenere la quantità necessaria, sciacquando il riso fino a quando l’acqua non rimarrà limpida. Scolatelo bene e lasciatelo a riposo per una mezz’oretta. Versatelo poi in una pentola e copritelo con un po’ acqua, lasciando cuocere con il coperchio sopra, fino a che non sarà assorbita tutta l’acqua e il riso sarà cotto, gonfio e soffice. Ora trasferite il riso in un contenitore largo e basso e nel frattempo mischiate insieme due cucchiai di aceto di riso, una tazza piccola d’acqua e mezzo cucchiaio di 4zucchero, riscaldando il tutto finché lo zucchero non si sarà completamente sciolto. Versate la miscela sul riso e mescolate bene, fino a quando il sapore del riso non sarà acidulo, per poi farlo raffreddare qualche minuto.

A questo punto, prendete una foglia di alga nori e stendetela sulla stuoia di bambù (anche queste ormai sono reperibili quasi ovunque), precedentemente foderata con pellicola di plastica. A questo punto stendete sulla foglia uno strato di riso, compattandolo per bene con le mani inumidite di acqua e aceto di riso. All’interno aggiungete a vostro piacimento salmone, cetriolo, wasabi, tonno… quello che più amate. Io, per esempio, adoro quelli con la philadelphia. Inumidite poi leggermente i lembi dell’estremità e, premendo con la stuoia, arrotolate il tutto e finalmente chiudetelo. Dopo esservi assicurati che il rotolo sia solido e non si apra, non vi resta altro che tagliare in cilindri con un coltello affilato. Affogateli nella salsa di soia e abbuffatevi come se non ci fosse un domani. Ho fatto male a svelarvi l’arcano? State attenti, che il pesce sarà anche leggero, ma non è vero che non ingrassa!

– Lidia Marino – 

Rispondi