Attori morti sul set di serie tv

1Abbiamo ricordato e pianto con voi le più traumatiche dipartite dei nostri personaggi preferiti nell’ambito dei serial. Ora parleremo di attori morti sul set di serie tv, scomparsi tragicamente proprio durante le riprese: argomenti allegri!

1. Jon-Erik Hexum. L’attore stava girando alcune scene della serie della CBS Cover Up e ha avuto la brillante idea di mettersi a giocare alla roulette russa con una delle pistole di scena, caricate a salve, ma comunque letali a distanze ravvicinate, come purtroppo ci ha insegnato Brandon Lee. Hexum evidentemente non aveva assimilato la lezione.

2. John Ritter. Il protagonista del mitico Tre cuori in affitto, nonché padre di John e Daniel Dorian in Scrubs, nonché Ben “Cannone” nella miniserie It si trovava sul set della sua nuova serie tv intitolata Otto semplici regole per uscire con mia figlia quando è stato improvvisamente portato via da un aneurisma.

3. Stewe Irwin. Costui non era un attore, ma realizzava una seguitissima serie di documentari in cui lui stesso 2si calava nella natura selvaggia a diretto contatto con gli animali che la abitano. Un coccodrillo non ha gradito l’intrusione.

4. Redd Foxx. L’attore era noto per aver recitato nella serie Sanford and son. È morto a causa di un infarto mentre si trovava sul set della nuova serie The Royal Family.

5. Aaliyah. La giovanissima cantante ed attrice è morta durante le riprese di un videoclip musicale. L’elicottero che la stava portando sull’isola scelta come set ha avuto un guasto e si è schiantato.

6. Andy Whitfield. Il giovane attore stava lavorando nell’acclamata serie Spartacus-Sangue e Arena (e sesso), ma ha dovuto lasciare quando i medici gli hanno diagnosticato un linfoma. Non ce l’ha fatta.

Speriamo di non avervi depresso troppo con questa serie di articoli perché ne stiamo preparando uno con le più sconvolgenti morti negli anime e nei manga che ci hanno segnato l’infanzia, l’adolescenza e, soprattutto, la psiche. E lì sì che le lacrime scorreranno a fiumi!

Stay tuned!

– Monia Guredda – 

Rispondi