Attori che non ricordavate in Twilight

Quanti di voi hanno seguito la maratona di Twilight nelle scorse settimane? Vi ha riportato indietro nel tempo? L’avete rivalutato come un classico del trash? E, soprattutto, quanti erano gli attori che non ricordavate in Twilight e che avete indicato gridando: “Oh, cavolo, ma è proprio lui!”? Se ancora non siete riusciti a inquadrarne alcuni, speriamo che questo articolo possa aiutarvi.

Restando a Forks: Cullen e umani

Come accade sempre, chi ha letto prima i libri avrà dato un determinato volti ai personaggi e soprattutto ai Cullen, che sono tanti, tutti belli e tutti diversi, e come accade sempre alcune scelte potrebbero non essere piaciute – Alice no, Ashley Green è perfetta. In ogni caso, vi è sembrato di averli visti da qualche parte, anche ultimamente? Esme si sta facendo una bella carriera negli horror: Elizabeth Reaser ha interpretato sempre una madre in Ouija – Le origini del male del 2016, ma anche la sorella maggiore Shirley in The Haunting of Hill House. C’è chi conoscerà Nikki Reed (Rosalie) soltanto come moglie di Ian Somerhalder o chi avrà visto il film che, nel 2003, lanciò lei ed Evan Rachel Wood, Thirteen.

Per parte del quinto film, per Renesmee – o meglio Nessie – è stata usata la CGI, in modo da potere mostrare le fasi della sua rapida crescita; inizialmente, però, si era tentato di creare una “bambola” che somigliasse a Bella e ad Edward, e il risultato è stato inquietante. Basti sapere che sul set veniva chiamata “Chuckesmee”, in onore della famosa bambola assassina. L’attrice portata sullo schermo è MacKenzie Foy, che ora è cresciuta e ha recitato nel lungometraggio Disney Lo Schiaccianoci e i quattro regni e nell’horror The Conjuring. Ultima, ma non ultima ricordiamo Anna Kendrik (Jessica), che sta riscuotendo sempre maggiore successo: dal musical Into the woods alla serie Pitch Perfect fino a Un piccolo favore, in cui ha recitato lo scorso anno a fianco di Blake Lively.

I nemici dei Cullen

Inutile parlarvi di Dakota Fanning, dal momento che Jane si è guadagnata parecchi primi piani che l’hanno resa riconoscibile a colpo d’occhio, ma restiamo in territorio italiano e parliamo dei Volturi. I più importanti, oltre a Marcus, sono Aro (Michael Sheen) e Caius (Jaime Campbell Bower). Sheen è un attore talentuoso che riesce a svuotarsi dalle emozioni per interpretare un barman androide (Passengers) e a passare da un ruolo all’altro come se nulla fosse (Master of Sex e Good Omens, tanto per citare due serie televisive di cui è stato protagonista), mentre Jaime Campbell Bower è noto soprattutto per avere dato il volto a personaggi appartenenti a due saghe cartacee differenti, lo Shadowhunter Jace nell’omonimo film del 2013 e il mago Grindelwald in alcuni frammenti di Harry Potter e i Doni della Morte; ha recitato inoltre nel musical di Tim Burton Sweeney Todd.

Manca un nome noto fra i cattivi, però, ed è Bryce Dallas Howard, figlia del regista Ron Howard. Se la sua presenza vi era sfuggita non preoccupatevi: appartiene alla schiera di attrici che ha interpretato Victoria. Al momento sta recitando nella serie di Jurassic World al fianco di Chris Pratt, ma possiamo ricordarla anche per il ruolo di protagonista in The Village e per l’episodio Caduta libera di Black Mirror.

Alleati vampiri

Breaking Dawn – Parte seconda ha attratto a sé molti volti noti grazie all’inserimento dei vampiri giunti da tutto il mondo per appoggiare la causa dei Cullen. La prima di loro, che era già apparsa nel film precedente, è Tanya, che insieme a Irina e Kate fa parte del clan “vegetariano” Denali; Tanya è interpretata da MyAnna Buring, che recentemente ha recitato nella serie Netflix The Witcher come la rettrice e maga Tissaia de Vries. Anche gli altri attori sono noti principalmente per ruoli televisivi: il russo Vlad è Noel Fisher, Mickey Milkovic di Shameless; gli egiziani Benjamin e Tia sono Rami Malek, star di Mr Robot, e Angela Sarafyan (Clementine in Westworld); Garret, infine, oltre al futuro fidanzato di Kate è Lee Pace, protagonista di Pushing Daisies e l’elfo Thranduil nella trilogia de Lo Hobbit.

Quanti di loro avevate già riconosciuto?

– Sara Carucci –

Rispondi