Alfabeto degli Artisti Contemporanei – Leiko Ikemura

Arriviamo alla I e parliamo di una pittrice asiatica: Leiko Ikemura

STUDI, STUDI E ANCORA STUDI

1Nata nel 1951, Leiko ha intrapreso subito gli studi artistici nell’Università di Osaka, in Giappone. La sua voglia d’arte, la porta, però, fuori dal suo paese natale, andando a studiare in Spagna nel 1973 alla Escuoela Superior de Bellas Artes de Santa Isabel de Hungaria in Siviglia. Gli spostamenti e gli studi l’hanno portata a Zurigo, a Bonn e anche a Colonia, dove inizia a dedicarsi alla scultura. Dal 1991, si sposta a Berlino, dove è tutt’ora professoressa di pittura nella Universitaet der Kuenste, UdK.

ARTE PREMIATA

2L’arte di Ikemura è stata sempre molto riconosciuta, soprattutto grazie ai grandi premi che ha vinto nella sua vita. Iniziò nel 1981 con ben tre premi diversi vinti in Svizzera. Nel 1982 fu premiata a Düsseldorf. in Germania, mentre nel 1983 vinse un’importante riconoscimento a Norimberga, da parte della famosa casa artistica e di materiali per artisti Faber-Castell. Continuarono vari premi in Germania anche nei primi anni del 2000, insieme ad un riconoscimento dalla The Josef & Anni Foundation, fondazione artistica nel Connecticut. Insomma, nella sua vita, Ikemura è stata premiata varie volte, tra cui 11 premi prestigiosi in tutta Europa e oltre.

LIBRI E SHOWS
3Dal 1983 al 2013, la Ikemura ha prodotto tantissimi Show in tutto il mondo. Dalla Cina e dal Giappone, è arrivata a mostrare le sue opere in Europa (Germania e Svizzera tra le maggiori), fino a ricevere spazi a lei dedicati anche in Sud America e negli USA. In Italia fece una mostra a Caraglio, al Centro Sperimentale d’Arte Contemporanea, con uno show chiamato “Terra! Terra!”. Gran parte delle sue opere le possiamo trovare in collezioni stabili pubbliche in Germania, Svizzera e Francia (dove ci sono alcune sue opere al Centre Georges Pompidou di Parigi) e anche in alcuni libri di cui lei stessa è autrice. Consiglio di leggere Andalusia, scritto dalla stessa Ikemura e da John Yau.

– Giorgio Correnti –

Rispondi