5 motivi per vedere e 5 per non vedere Jessica Jones

Sperando che non vi siate persi gli articoli analoghi, dedicati alle altre produzioni Marvel/Netflix sui Difensori, oggi, pur se in ritardo, abbiamo voluto porre l’attenzione su quella che io – come altri – reputiamo essere la punta di diamante tra esse, ovvero quella dedicata ad un’eroina molto particolare. Ecco dunque i 5 motivi per vedere e per non vedere Jessica Jones! 
NB: Può contenere spoiler.

5 MOTIVI PER VEDERE JESSICA JONES

1.Kilgrave

Non potevo non parlare come prima cosa di Kilgrave. Un cattivo molto cupo, forte e folle, magnificamente interpretato da David Tennant. Kilgrave è la vera e propria forza della serie. Il suo potere di controllare le persone con la sola parola, misto al suo essere senza scrupoli e con un’etica distorta, lo porta ad essere un cattivo pericoloso ed opprimente. Sembra sempre che sia impossibile sfuggirgli, soprattutto se si professa follemente innamorato di te… e, per follemente, strizzo l’occhio al suo essere maledettamente pazzo.

2. Il pilot

Jessica Jones deve molto seguito soprattutto alla prima puntata. E non a tutta, quanto al finale. Una prima puntata che ci mostra un eroina che non vuole fare l’eroina. Una protagonista dedita all’alcol e che lavora sempre sul filo della legalità. Ma il finale ci mostra chi avrà di fronte. La ragazzina che uccise i genitori nell’ascensore e che guarda Jessica dicendole “Sorridi!”: pura poesia malata.

3. Il senso di oppressione

La forza di Kilgrave non è tanto nel suo potere, quanto nel senso di oppressione che fa provate a Jessica ed allo spettatore. Passiamo ogni puntata a vederlo fare cose folli, anche al limite dello stalking, e ci interroghiamo su cosa potrebbe fare una donna super forte che non può resistere al suo controllo mentale, su cosa potrebbe fare lui di così disturbato per metterla in pericolo e su come avremmo potuto sfuggire noi al suo potere. Non potremmo. Ed è questo ad opprimerci di più.

4. La scrittura

Melissa Rosenberg è la scrittrice della serie ed il grosso del successo di Jessica Jones è dovuto alla sua capacità di portare le caratteristiche adulte del fumetto nelle puntate che abbiamo visto. Melissa riesce a presentarci senza problemi un’eroina sgradita, parlando di temi forte..  e pensare che, quando iniziò a scriverlo, era un progetto per la tv pubblica e che, quindi, avrebbe dovuto seguire le direttive per la visione di un pubblico meno adulto. Per fortuna, l’ingresso di Netflix nel progetto le diede la libertà necessaria per costruire un buon prodotto.

5. Un’eroina adulta

Jessica Jones è la protagonista del fumetto Alias (nome della sua società investigativa). Questo fumetto fu il primo prodotto Marvel per un pubblico prettamente adulto. Una pesantezza non dovuta a volgarità gratuite, ma a tematiche importanti trattate al suo interno. Anche nella serie, parliamo di pessimi genitori, di esperimenti sui bambini e, soprattutto, troviamo impellente il tema del suicidio, dello stupro e dell’abuso di alcol e droghe. Jessica Jones è un’eroina per adulti.

5 MOTIVI PER NON VEDERE JESSICA JONES

1. Le scene di sesso

Nonostante l’essere un’eroina adulta, in Jessica Jones ho trovato le scene di sesso con Luke Cage fuori posto e ridondanti. E non parlo per bigottismo di chi non approvava scene di sesso (Game of Thrones ci ha insegnato a farcene una ragione), ma per il loro essere fuori luogo, in un contesto dove non c’entravano nulla. E poi, sono state molto più di quante ne servivano (e, secondo me, ne servivano 0).

2. Luke Cage

Come non mi è piaciuto nella serie tutta sua, non l’ho trovato interessante nemmeno in questa serie dove la sua parte è importante, ma non fondamentale. Riesce ad essere solo un problema ed un imbarazzo, senza dare un vero apporto alla serie. Ma mai come nella sua serie.

3. “E ammazzalo!”

Una pecca che possiamo trovare nella serie è l’ostinata voglia di incastrare legalmente Kilgrave per salvare una ragazza dalla prigione. Per quanto sia un pensiero nobile, molto presto ci si rende conto di quanto sia impossibile fare una cosa del genere: come possiamo incastrare un uomo che potrebbe convincere un giudice ad ammazzarsi solo dicendo “martellati il cranio a morte”? E si arriva subito a chiedersi “Perché Jessica non lo uccide e basta?”.

4. Il post Kilgrave

La cosa che più mi spaventa è pensare ad un Jessica Jones 2. Senza nulla togliere alla protagonista, la vera forza della serie è stata sicuramente Kilgrave e la paura ed il pericolo di trovarsi di fronte ad un prodotto sciapo, perché orfano di questo personaggio, è molto forte. Soprattutto perché…

5. Nuke

…dallo svolgersi della storia, possiamo ipotizzare, con poco margine di errore, che il villain della seconda serie potrebbe essere Nuke, uno dei cattivi ricorrenti del fumetto e già comparso, con tanto di genesi in villain, nella prima stagione. Nuke che, purtroppo, non ha mostrato l’appeal e la profondità di Kilgrave e che potrebbe facilmente lasciarci con un amaro in bocca. Nella serie, poi, è il personaggio più odioso.

Jessica Jones è sicuramente la punta di diamante della produzione Marvel/Netflix, una di quelle serie che, anche se non amate il genere, dovete assolutamente vedere. Inoltre, David Tennant vale tutte le 13 ore (circa) spese per guardare la serie dall’inizio, alla fine, sia per interpretazione, che per il personaggio che interpreta.

– Giorgio Correnti –

Un pensiero su “5 motivi per vedere e 5 per non vedere Jessica Jones

  1. Pingback: 5 motivi per vedere e 5 per non vedere Jessica Jones 2 | YouPopCorn

Rispondi