5 film thriller da vedere assolutamente

Nato come costola dell’horror, quasi un incrocio fra le sue caratteristiche e quelle del poliziesco, il genere thriller è divenuto sempre più popolare fino ad arrivare a vedere uscite nelle sale decine di film l’anno. Dai classici di Hitchcock sino agli ultimi esempi di brand basato sui serial killer (e sono davvero tanti!), ecco un ritratto dei 5 film thriller da vedere assolutamente. Buona lettura!

5. Profondo Rosso – Dario Argento (1975) 1Film “di frontiera” fra thriller investigativo e horror puro, Argento ha spaventato un’intera generazione di giovani spettatori con una storia che riprende tutti i punti di forza del gotico metropolitano (violenza compresa) e li inserisce nella classica storia hitchcockiana con una forza narrativa che ha segnato la storia del cinema italiano. Al di là di alcuni lati un po’ “meh” (i demenziali siparietti comici fra il protagonista David Hammings e Daria Nicolodi…), un film indimenticabile e troppo spesso trascurato.

4. Seven – David Fincher (1995) 2Poliziesco dark e tragico, ha donato al cinema americano una coppia di detective davvero memorabile (il disilluso Morgan Freeman e il giovane spaccone Brad Pitt) in una caccia al serial killer che omaggia la letteratura medievale e buona parte della letteratura horror. Ma a farla da padrone è il pessimismo opprimente della pellicola: se siete anche solo un po’sensibili o troppo zuccherosi, vi invitiamo a lasciar perdere ogni approccio. Il risultato è uno dei migliori blockbuster di questo genere, senza dubbio il migliore di David Fincher.

3. I tre giorni del condor – Sidney Pollack (1975) 3Robert Redford e altri fra i migliori artisti americani del cinema anni ’70 mettono su una classica spy-story nella quale lo spettacolo si fonde con la critica politica in un classico moderno del genere. Accantonato il fascino “fantasy” dei film fantapolitici James Bond, ecco finalmente uno spy-movie che fa del realismo il suo punto di forza. E Max von Sydow nella parte del cattivo è uno spettacolo!

2. Il silenzio degli innocenti – Jonathan Demme (1991) 2Primo film del genere ad arrivare all’Oscar, porta sullo schermo il romanzo di Thomas Harris sia rendendo giustizia alle malsane atmosfere horror rurale americano (ispirate a reali casi di cronaca provenienti dalla provincia stelle-e-strisce) sia all’esplorazione esplorazione della psicologia della protagonista, una detective dai tanti lati oscuri e rimpianti. Il risultato è un capolavoro, una perfetta sfida psicologica fra bene e male che vede schierato nell’altro campo il perfetto Hannibal Lecter di Anthony Hopkins.

1. Vertigo – La donna che visse due volte – Alfred Hitchcock (1958) 1I thriller del maestro assoluto di quest’ambito hanno tutti una grandezza che ormai non ha bisogno di commenti e sono tutti-ognuno in maniera diversa-dei capolavori assoluti del cinema ancor prima che del thriller. Difficile sceglierne uno: c’è Psycho, per esempio, che è semplicemente l’incarnazione delle migliori caratteristiche del filone; ma quello che ancora oggi sembra aver osato di più rimanendo nel filone della crime story è Vertigo, “kolossal” di oltre un’ora con una struttura narrativa davvero mozzafiato, con un’indagine che sembra andare persino oltre i confini del tempo.

Bene, questa qui è la nostra classifica: avremo senza dubbio dimenticato qualcosa, ma ci sembra di aver ricordato davvero dei grandi lungometraggi. E voi che dite? Qual è il vostro preferito?

– Fabio Antinucci – 

Rispondi