5 consigli di narrativa per l’estate

Caldo, mare, sabbia: sono certamente le prime parole che vengono in mente quando si pensa a luglio e agosto. Volete cambiare la solita ruotine? Ecco a voi 5 consigli di narrativa per l’estate che potrebbero tornarvi utili – per rilassarsi e distrarsi dal lavoro, ma anche per far colpo.

1) Scegliete gialli di autori che non avete mai letto
vargas all

Si sa, il genere investigativo è il migliore da portare in viaggio o sotto l’ombrellone: un buon libro deve essere ben scritto e intrigare il lettore, e in gran parte dei casi il giallo soddisfa almeno questo secondo requisito.

Lasciate quindi sullo scaffale Il pendolo di Foucault e fate un salto nelle vostre librerie e biblioteche di fiducia, ma se siete stufi di rileggere Agatha Christie, Patricia Cornwell e Andrea Camilleri date una possibilità ad autori che non avete mai letto. Fred Vargas e Robert Galbraith sono un’ottima scelta per quanto riguarda la narrativa straniera: la prima racconta le avventure del commissario Adamsberg, lo “spalatore di nuvole” che con le sue intuizioni stupisce ogni avventura di più il razionale Danglard, ma anche quelle racchiuse nella trilogia I tre evangelisti; la seconda non ha bisogno di presentazioni, perché Galbraith è lo pseudonimo di J.K. Rowling, che con Il richiamo del cuculo ha introdotto il detective privato Cormoran Strike. L’originale e realistica caratterizzazione di ogni personaggio, anche se secondario, accomuna queste due autrici che non aspettano altro di essere lette.

2) Rileggete fumetti dell’infanzia con gli occhi di un adulto
11722244_1675091749385937_3512116547981387367_o

Chi non conosce Topolino e Paperino? E chi, fra coloro che hanno annuito, ha mai sentito nominare Don Rosa?

Da bambini e adolescenti, le avventure dei topi e dei paperi si scelgono spesso in base ai disegni, lasciando da parte le storie raccolte ne I Grandi Classici Disney: Paperone è il plurimiliardario e spilorcio zio dello sfortunato Paperino, ma è più divertente leggere le storie di Silvia Ziche piuttosto che risalire agli albori della Saga dei Paperi – perlomeno quando si hanno otto anni e Topolino è il fumetto più economico. Ma ammettiamolo, Silvia Ziche non smetterà mai di piacerci.

Poche pagine, una lettura veloce, ma appassionante: l’ideale tra un bagno e l’altro. Partite dai capolavori di Carl Barks e Don Rosa, incontrate Doretta e lo scozzese clan de’ Paperoni – tra cui figura anche l’indomabile Ortensia, madre di Paperino – e immergetevi nelle storie di Romano Scarpa, fino a scoprire la genesi dei più famosi personaggi Disney. Divertimento e lacrime garantiti.

3) Accaparratevi libri che hanno ispirato film e serie televisive

A novembre si concluderà la saga cinematografica di Hunger Games, mentre a settembre uscirà il sequel di The Maze Runner; Pretty Little Liars continua a prendere le distanze dal suo originale cartaceo e presto, dopo il flop della trasposizione su grande schermo, Shadowhunters approderà con un nuovo cast sulla rete televisiva ABC. E alcuni di voi sono ancora intenti a cercare differenze tra Game of Thrones e i libri di George R.R. Martin.

Come superare l’attesa dei nuovi film e delle nuove stagioni? Dedicandosi ai libri: non solo Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco e Giovani, carine e bugiarde, ma anche l’immortale Harry Potter, i grandi classici come Cime Tempestose e Orgoglio e Pregiudizio, la graphic novel V per Vendetta. Se fremete di sapere cosa accadrà ai personaggi delle vostre serie preferite ispirate a saghe cartacee, potete leggere la trilogia di Wayward Pines (Blake Crouch), Outlander (La saga di Claire Randall, Diana Gabaldon) e i fumetti Marvel e DC; in attesa della terza stagione di The 100, potete anche procurarvi Il signore delle mosche, che come argomento ha molto in comune con la serie targata CW.

4) Giocate capolavori narrativi
image

Fa caldo, ma il mare a voi non dice niente; preferite rimanere chiusi in casa accanto al ventilatore e stufi dell’ennesimo rewatch non vi rimane che una cosa da fare: correre alla vostra console – che si tratti di computer, PlayStation o Xbox – e iniziare finalmente un gioco che attendeva da tempo.

Vi mancano Game of Thrones e The Walking Dead? Aggiungete qualcosa di nuovo alle vostre conoscenze di quei mondi con i prodotti della Telltale, veri e propri racconti in cui dovrete scegliere quasi esclusivamente cosa dire per evitare di essere uccisi dagli zombie o di divenire parte dei piani di Ramsay Bolton. I libri di Andrzej Sapkowski vi hanno fatti emozionare? Date uno sguardo alla trilogia di The Witcher, che con il terzo capitolo riprende gli eventi da dove erano stati lasciati ne La Signora del Lago (in Italia a ottobre 2015). Volete una storia da giocare dall’inizio alla fine – nonostante gli spin-off cartacei? Dragon Age: Origins e i suoi sequel aspettano solo di essere cominciati.

Il discorso vale anche al contrario: dopo avere amato le avventure che avete giocato, potete passare ai libri, a cui si possono aggiungere anche quelli basati su World of Warcraft.

5) Completate la Reading Challenge 2015
Sem título 4

Se non l’avete ancora fatta, l’estate è un’ottima occasione per iniziarla, altrimenti per mettervi in pari con la lista. La Reading Challenge intende stimolare lettori di tutto il mondo. Siete indecisi su cosa leggere e questo articolo non vi è stato utile? Potete dare un’occhiata alla challenge e abbinare a ogni punto un libro che volevate rileggere da tanto tempo o che tenete sullo scaffale in occasione del momento giusto – perché quelle seicentosettanta pagine de La verità sul caso Harry Quebert non vi attirano per niente, ma dovete pur spuntare “Un libro con più di cinquecento pagine”.

Qualche idea? Favole al telefono (Gianni Rodari) per “Un libro di racconti”, Burial Rites (Hannah Kent) per “Un libro basato su una storia vera”, Canto di Natale (Charles Dickens) per “Un libro ambientato a Natale”. Potete inoltre scoprire autori che non avevate mai sentito nominare, cercandoli tra quelli con le vostre stesse iniziali o fra coloro che hanno pubblicato nell’anno in cui siete nati. E, ultimo della lista, ma perennemente nella nostra mente, finire quel libro che avevate abbandonato – perché dopo qualche pagina vi aveva stufato, perché avevate un esame da preparare o perché era appena uscito GTA V.

Se questi consigli di narrativa vi sono piaciuti, vi aspetto nelle prossime settimane per darvi qualche dritta televisiva estiva.

 

– Sara Carucci –

Rispondi