3 ricette per una cena cinese completa

Dopo aver preparato un pasto giapponese, oggi ci concentriamo su 3 ricette per una cena cinese completa.

Ravioli al vapore

Non potevano mancare i famosi ravioli al vapore, chiamati jiaozi, tipico piatto dalla cucina cinese e di tutto il sud est asiatico. Il ripieno può essere composto da sole verdure, da carne prevalentemente di maiale e da verdure miste a gamberi. Io vi propongo una versione che prevede tutti e tre gli ingredienti conditi con soia e zenzero.

Ingredienti:
150 g di farina 00; 100 g di acqua; 170 maiale macinato; 100 g di gamberi; 100 g di cavoli cinesi; q.b. zenzero fresco; 1 carota; 1/2 porri; 3 cucchiai di salsa di soia; 1 ciuffo di erba cipollina; 1 cucchiaio di sake. 

Versate le farine con l’acqua fredda in una ciotola e lavorate fino a ottenere un impasto omogeneo. Avvolgete la pasta nella pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigorifero almeno 30 minuti. Nel frattempo tagliate grossolanamente la carota, il porro, lo zenzero e la parte verde del cavolo cinese, poi infilatele nel cutter e tritatele finemente. Prelevate metà di questo trito e tenetelo da parte. Nel bicchiere del frullatore aggiungete la carne macinata e salsa di soia. Quando avrà una consistenza liscia, aggiungete i gamberi sgusciati e tritati finemente a coltello, 10 fili di erba cipollina tagliata finemente e il trito di verdure prelevato in precedenza. Amalgamate il tutto aiutandovi con una spatola e lasciate rassodare in frigorifero, coperto con pellicola, almeno per 30 minuti. Ora tornate alla pasta: fatene piccole palline, grandi come una piccola noce e iniziate a stendere con un matterello su un piano di lavoro infarinato. Formate dei dischi di circa 10-12 cm di diametro, non più spessi di 2 mm. Suddividete il ripieno in 20 palline che compatterete tra le mani dandogli una forma leggermente allungata. Disponete ciascuna di queste porzioni di ripieno al centro di ogni disco di pasta e inumidite leggermente i bordi con una goccia di acqua. Iniziate a chiudere sovrapponendo i lembi formando le classiche pieghine dei ravioli, pizzicando tra indice e pollice con una lieve pressione. Prendete il wok e versateci 200 cc di acqua e disponeteci sopra il cestello per la cottura a vapore. Sistemare i ravioli, facendo attenzione che non si tocchino, portate in ebollizione e calcolate altri venti minuti prima di toglierli. Servite caldi con salsa di soia a piacere.

Manzo in salsa piccante

Il manzo in salsa piccante è un altro piatto tipico della cucina cinese. Il grado di piccantezza in questa ricetta dipende dalla quantità e qualità dell’olio piccante. Se ci intingete il riso è ancora più buono e completo.

Ingredienti:
600 g di fettine di manzo spesse circa un centimetro; 1 peperone verde; 2 peperoncini rossi; 130 g di germogli di soia; 6 cucchiai di salsa di soia; 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva; q.b. sale; q.b. erba cipollina; q.b. pepe nero; 300 g di riso bianco. 

Iniziamo lavando il peperone, tagliandolo a metà e eliminando il picciolo e i semini per poi tagliarlo in strisce sottili. Fate strisce sottile anche della carne. Sminuzzate poi i due peperoncini (anche in questo caso togliete i semini interni). Scaldate in un wok l’olio e il peperoncino e aggiungetevi i peperoni a striscioline, salate e pepate e cuocete per circa 10/15 minuti. Nel frattempo mettete a bollire una pentola d’acqua e successivamente versateci il riso. Trascorso il tempo di cottura del peperone aggiungete gli straccetti di manzo, saltateli fino a che saranno cotti e conditeli con 6 cucchiai di salsa di soia. Una volta che la carne di manzo sarà cotta, togliete il wok dal fuoco, aggiungete l’erba cipollina sminuzzata e i germogli di soia, mescolate tutto e scolate il riso. Servite il manzo piccante con il riso ed eventualmente aggiungete altra salsa di soia a piacimento.

Gelato fritto

Il più famoso dessert della tradizione cinese, il gelato fritto è l’ideale per concludere in bellezza una cena come questa.

Ingredienti:
250 g di gelato alla vaniglia (o al gusto che preferite); 1 uovo 150 g di farina di grano tenero; 50 gr di fecola; 50 gr di zucchero a velo; q.b. di olio per friggere.

Formate delle palline con il gelato alla vaniglia ancora solido e mettetele a riposare in freezer per almeno 4 ore. Nel frattempo preparate la pastella, miscelando in un contenitore farina, fecola, zucchero a velo, l’uovo e dell’ acqua fredda, fino ad ottenere un composto omogeneo. Lasciate poi riposare anche questo in frigo per circa 1 ora. Tirate fuori le palline dal freezer, ormai solidificate, e immergetele completamente nella pastella precedentemente preparata, dopodiché rimettetele a riposare in freezer per altre 4 ore. Riscaldate l’olio per frittura e tuffateci le palline di gelato con la pastella ormai congelata. Friggetele fino a quando non diventano dorate e croccanti e disponetele su di un foglio di carta assorbente. Fatto. Certo, non è un dolce da preparare in due minuti, ma con la giusta tempistica è semplice e decisamente gustoso.

Buon appetito, o come si dice in Cina, 祝你好胃口 (zhu ni hao weikou)!

– Lidia Marino –

 

Rispondi