10 serie tv passate in sordina

Diciamoci la verità: le serie tv sono il nostro pane quotidiano… ed ogni giorno ne viene sfornata una diversa! È inevitabile, quindi, ignorarne qualcuna che meriterebbe davvero di conoscere il grande successo. In parte il mio compito oggi è proprio questo: portare alla tua attenzione, lettore, questi telefilm bistrattati, a cui dovresti dare una chance.

Ecco per te una lista, dunque, una lista di 10 serie tv passate in sordina. Pronto? Si comincia!

– 3%

“3%” è una serie televisiva brasiliana del 2016, nata come il reboot di una web serie del 2011 creata, prodotta e caricata su YouTube da Pedro Aguilera. La serie è ambientata in un futuro distopico dove un gruppo di persone ha la possibilità di vivere  su un’isola paradisiaca mentre la maggior parte della popolazione versa in condizioni di estrema povertà. Ogni anno a tutti i ventenni viene data la possibilità di portare a termine una selezione, fatta di prove fisiche e mentali, per finire nell’Offshore un luogo agiato e lussuoso, in cui solo il 3% della popolazione può accedervi. Una serie che mette in luce, in modo insolito, le divisioni sociali e le disuguaglianze che caratterizzano la società.

– The night of

“The Night Of”, tradotto in italiano con il titolo “Cos’è successo quella notte?” è una miniserie televisiva statunitense basata sulla prima stagione di Criminal Justice, serie britannica del 2008 della BBC. La serie affronta il caso di Nasir (Riz Ahmed) che, dopo una serata a base di sesso e droga con una ragazza sconosciuta, si ritrova invischiato in un omicidio. Tra atmosfere noir, flashback sugli eventi della fatidica notte, ed espedienti giudiziari, il ragazzo viene incastrato dal ritrovamento dell’arma del delitto e da diverse testimonianze. Nasir si affida all’aiuto di un avvocato caduto in disgrazia, John Stone, per dimostrare la sua innocenza.

– Midnight Diner: Tokyo Stories.

La serie dopo aver raccolto grande successo in Asia, rimane purtroppo sconosciuta in Europa. “Midnight Diner” è una piccola perla che racchiude interpreti davvero notevoli e originali oltre ad atmosfere incredibili. Siamo nelle kakurenbo yokocho (letteralmente viuzze in cui nascondersi) e qui Master, proprietario e chef di una Meshiya (una tavola calda) ascolta paziente e sornione le storie dei suoi clienti. Ad ogni storia si accompagna un piatto della cucina tradizionale che rievoca ricordi e funge da collante. Una serie che racconta l’autentica cultura giapponese ai giorni nostri. Una piccola perla imperdibile!

Orphan Black

Questa serie canadese racconta la storia di Sarah Manning, interpretata da Tatiana Maslany. Dopo aver rubato l’identità a una ragazza somigliante a lei in tutto e per tutto, la giovane e sbandata Sarah decide di darsi alla fuga con il denaro sottratto a Beth Childs poco prima che lei si togliesse la vita. Tuttavia, i suoi piani cambiano quando scopre di essere solo un clone, che ne esistono altri come lei e che qualcuno sta cercando di ucciderli tutti. Sarah decide così di affrontare la misteriosa cospirazione per cercare di salvare se stessa e le persone che ama.

Jane the Virgin

La serie televisiva statunitense trasmessa dal 13 ottobre del 2014 su The CW, racconta la storia della ventitreenne Jane Gloriana Villanueva. La ragazza è felicemente fidanzata da due ani con Michael Cordero, un giovane e ambizioso detective di Miami. Grazie all’educazione ricevuta dalla sua famiglia, Jane è ancora vergine ma durante un normale controllo ginecologico, la dottoressa attua erroneamente sulla ragazza un’inseminazione artificiale. Una serie piena di mirabolanti avventure degne di una telenovelas. Da non perdere!

Desperate Romantics

Tradotta in italiano con il titolo “Disperatamente romantici”, la miniserie britannica scritta da Peter Bowker, trasmessa sul canale BBC Two dal 21 luglio del 2009, racconta la vita dei membri della confraternita dei Preraffaelliti. I protagonisti sono: Dante Gabriel Rossetti, William Hunt, John Everett Millais e il loro amico giornalista Fred Walters, giovani talentuosi e stravaganti desiderosi di rompere gli schemi della pittura tradizionale. Tra amori tormentati, scandali, fallimenti e trionfi, lasceranno un segno indelebile nella storia dell’arte ottocentesca. Una serie che un amante dell’arte non può lasciarsi sfuggire!

Scream Queens

La serie nasce come una parodia del genere horror e di tutti i suoi cliché. “Scream Queens” segue le vicende di Chanel Oberlin (interpretata da Emma Roberts), la ricca e popolare presidente della confraternita universitaria Kappa Kappa Tau  e delle sue aiutanti, dette Chanels, perseguitate da misteriosi killer mascherati. La situazione precipita  quando Cathy Munsch, la sua nemesi, decreta che la sorellanza dovrebbe essere accessibile a tutte le studentesse e non solo a un gruppo elitario. Tutto questo mentre un serial killer vestito da diavolo miete una vittima dopo l’altra.

Finding Carter

È un teen drama statunitense che ha debuttato su MTV l’8 luglio 2014. Carter, interpretata da Kathryn Prescott, (nota per aver interpretato il ruolo di Emily Fitch nella serie tv Skins) è una ragazza la cui vita viene completamente stravolta. La giovane vive la sua vita perfetta con Lori, sua madre. Tutto precipita quando Lori viene arrestata e la polizia rivela alla giovane che la donna che lei crede essere sua madre, in realtà non è altro che  la donna che l’ha rapita all’età di tre anni.

My Mad Fat Diary

È una serie televisiva britannica, trasmessa in prima visione sul canale E4 a partire dal 14 gennaio del 2013 fino al 6 luglio del 2015. La serie, ambientata negli anni ’90, ha come protagonista la sedicenne Rachel Earl, detta Rae, una ragazza con problemi di peso e che ha da poco lasciato l’ospedale psichiatrico in cui era ricoverata. Ritornata a casa, con l’aiuto di Kester cercherà di farsi nuovi amici, grazie anche all’incontro con la sua amica d’infanzia Chloe e alla sua cerchia di amici. Tutto ciò verrà raccontato e annotato nel suo diario dove non mancherà mai la folle ironia adolescenziale.

Ringer

È una serie televisiva statunitense prodotta dal 2011 al 2012. Sarah Michelle Gellar (ovvero la Cacciatrice più famosa del piccolo schermo) veste i panni di Bridget, una spogliarellista tossicodipendente che, testimone di un omicidio, si nasconde e cerca riparo a New York, dalla sua ricca sorella gemella Siobhan. Ma Siobhan, dopo l’arrivo di Bridget, inspiegabilmente si toglie la vita, donando alla sorella l’opportunità di assumere la propria identità e di appropriarsi di una vita apparentemente perfetta, una vita dalla quale anche la stessa Bridget cercherà di fuggire.

Bene lettore, spero che una di queste serie tv ti abbia incuriosito.

Non mi resta che augurarti una buona visione!

– Giuseppina Serafina Marzocca – 

 

Rispondi