10 Serie TV degli ultimi anni che dovrebbero conoscere tutti

Ciao a tutti i lettori. Sono tornato a scrivere per Youpopcorn e vengo proponendo una lista di 10 Serie TV degli ultimi anni che dovrebbero conoscere tutti, perché sono davvero di qualità. Telefilm che hanno ottenuto un grande bacino di fan, ma che non sono sulla bocca di ogni persona, come invece dovrebbero! In un periodo dove l’ultimo fenomeno mediatico è Squid Game, è bene variare e scoprire qualche titolo diverso, che sono certo adorerete! Buona visione.

1. JANE THE VIRGIN
La serie TV su stile soap opera che prende in giro e contemporaneamente osanna la forza delle telenovelas. Il plot è uno dei classici cliché, seppur sorprendente: Jane è una ragazza americana di discendenza sudamericana con un sogno, una famiglia moderna, un ragazzo ed una insana passione per le telenovelas (che condivide con madre e nonna). La sua vita viene stravolta quando, dopo essersi recata dalla ginecologa per un controllo, si ritrova erroneamente inseminata. Il problema? Jane è vergine e decisa a rimanerlo fino al matrimonio. Se cercate una serie geniale, divertente, dissacrante e, soprattutto, un narratore con una voce suadente più “in fissa” di voi, questa serie fa per voi.

2. CRAZY EX-GIRLFRIEND
Ormai Hamilton ha avuto il pregio di sdoganare il musical. Siete tra quelli che hanno amato Hamilton? Che ne cantano le canzoni? Crazy Ex-Girlfriend è una serie totalmente fuori di testa piena di canzoni che potrete ricordare. La storia si basa su una vera pazza ex-ragazza. Rebecca è un avvocato di successo di New York, una doppia laurea e una vita piena di successi… ma decide di abbandonare tutto e trasferirsi a West Covina, un paesino insignificante nella contea di Los Angeles. E decide di farlo solo per seguire una vecchia cotta che aveva da teenager. Personaggi assurdi e fuori dall’ordinario, situazioni fuori di testa come la protagonista. Ed una puntata finale che, in realtà, è un live in un teatro di New York, in puro stile Broadway.

3. THE STAND
Cambiamo un po’ genere. The Stand è una serie che potete trovare su Starzplay di Amazon tratta dall’omonimo romanzo di Stephen King, in Italia tradotto come L’ombra dello Scorpione. La serie mantiene il nome originale e ci trasporta in un mondo alternativo così poco lontano dal periodo che stiamo vivendo, dove una pandemia ha sterminato gran parte della popolazione mondiale e dove i pochi che risultano immuni a questa malattia si radunano seguendo due persone completamente differenti che rappresentano le due forze più grandi del mondo: il bene ed il male. In una serie di scontri, di tradimenti e di dubbi biblici, fatti di redenzione o di caduta nell’oblio dei propri peccati, spicca un magnifico Alexander Skarsgård nell’iconico ruolo di Randal Flagg, il personaggio che King ripropone in molti dei suoi romanzi come rappresentazione del male.

4. THE MAN IN THE HIGH CASTLE
Uno dei primi prodotto di Amazon Prime Video, è questa serie fantascientifica tratta da un romanzo di Dick (omonimo in America, tradotto come La svastica sul sole in italiano). La storia ci porta in un passato alternativo, dove l’alleanza tra il Reich Nazista tedesco e l’impero giapponese ha vinto la seconda guerra mondiale, portando le due potenze a dividersi il territorio degli Stati Uniti d’America, lasciando una zona franca tra i due territori. Si crea una guerra fredda tra Giappone e Germania, mascherata con una finta alleanza, mentre la ribellione degli USA inizia a prendere piede grazie, soprattutto, ad una figura molto particolare: questo Uomo dell’Alto Castello che pare avere delle strane bobine che presentano un mondo “alternativo”. Un bel cast, dove spicca un Rufus Sewell che, come il vino, diventa più bello con l’età.

5. PENNYWORTH
Sulla scia di backstory dei vari personaggi supereroistici (come successe con Gotham per il roster di personaggi di Batman o Smallville che rivedeva l’adolescenza di Superman), la serie Pennyworth va a ripercorrere l’origine di un altro dei più famosi personaggi della DC Comics: Alfred. Sì, avete capito bene, proprio Alfred il maggiordomo di Bruce Wayne, quello che serviva la sua famiglia e che lo aiuterà nella sua carriera di uomo pipistrello. In una Londra anni sessanta, lo vedremo fondare una agenzia di sicurezza ed iniziare il suo lavoro per Thomas Wayne.

6. THE GOOD PLACE
Una serie dissacrante che parla della morte… anzi, della vita dopo la morte. Ci ritroviamo, quindi, in un aldilà molto diverso da come ce lo saremmo aspettati, con personaggi esasperati nelle loro stranezze, con situazioni assurde ed esilaranti. Il tutto seguendo una egocentrica Eleanor che finisce per errore in Paradiso e che cerca in tutti i modo di non far capire di essere stata mandata nel posto sbagliato.

7. PERCEPTION
Una faccia già nota per aver interpretato il protagonista maschile in Will & Grace, si reinventa come un professore specializzato nelle patologie neurologiche affetto anch’egli da schizofrenia, che si ritrova a fare il consulente in casi difficili dell’FBI. La sua conoscenza delle menti disturbate lo porta ad aver spesso brillanti deduzioni che lo portano a capire come funziona la testa dell’assassino. Il tutto, intervallato dalla sua vita segnata dal suo stato psicologico. Un personaggio tanto strano, quanto umano, ben interpretato da Eric McCormack che si ritrova a passare da essere un giovane avvocato rampante ed omosessuale di New York, ad essere un uomo eccentrico nella sua visione fantasiosa e distorta del mondo.

8. FLEABAG
Esilarante ed irriverente, Fleabag è una serie scritta e recitata da Phoebe Waller-Bridge, una comica e commediografa molto famosa nella patria della Regina Elisabetta. Fleabag parla di una ragazza priva di freni inibitori e sociopatica alle prese con il lutto della sua migliore amica. L’irriverenza di Fleabag lo spettatore lo nota anche dalle sue introspezioni che si svolgono rompendo la quarta parete e rivolgendosi direttamente alla telecamera ed agli spettatori. Sarà lei stessa a dirci, quindi, cosa pensa veramente dei suoi interlocutori o degli eventi che la circondano, come se fossimo noi i suoi migliori amici e vedremo ciò che prova e ciò che mostra, in un continuo miscuglio di bugie e tradimenti.

9. HOLLYWOOD
Ambientata nei fulgidi anni ’40, la miniserie Hollywood parla del mondo che più amiamo: quello del cinema. Ci troviamo, quindi, a seguire le peripezie di una casa produttrice della Gold Hollywood ed una serie di attori famosi e non nelle loro peripezie per produrre un film, mostrandoci i lati oscuri di quel mondo omofobo e razzista. Parliamo del periodo in cui essere gay era una vergogna ed essere neri era un limite. Eppure la serie elabora questi lati oscuri e ci mostra l’affascinante mondo dello spettacolo sotto il punto di vista di un enorme What if.

10. THE GOOD WIFE
Dulcis in fundo, una serie tanto amata dagli appassionati del genere legal e tanto sconosciuta dalla grande massa. Eppure The Good Wife è (almeno per la sua maggior parte) una delle serie più belle che io abbia mai visto. Seguiamo la storia di Alicia Florrick, moglie del procuratore di Chicago che viene incarcerato dopo uno scandalo sessuale per corruzione. Alicia si ritrova, così, a dover badare da sola alla famiglia e incontra Will, un suo vecchio amico all’università. Così la nostra eroina si ritrova a rispolverare la sua laurea di avvocato ed a riprendere a lavorare. Di base, sembra un classico legal, ma la serie segue in primo piano tutta la vita all’interno dello studio legale dove lavora Alicia e dei suoi avvocati tutti ben scritti, attraversa anche la politica con le vicende sia dello stesso ex-procuratore, arrivando fino a parlare di Obama o Trump ed è costellato di personaggi ricorrenti tutti clienti dello stesso studio che danno sempre più pepe alle storie interpersonali. Inoltre, c’è una delle scene più shockanti che io abbia mai visto. Non posso che consigliarvene la visione.

– Giorgio Correnti – 

Rispondi