10 canzoni heartbreaking delle serie tv

La televisione è un ottimo strumento per scoprire nuovi bravi musicali, ma quali solo le più famose 10 canzoni heartbreaking delle serie tv, quelle che ci hanno irrimediabilmente spezzato il cuore?

Prima di iniziare, urge tuttavia citare River Song: “Spoilers.”

10) LOSING MY RELIGION – R.E.M. (BEVERLY HILLS 90210)

Partiamo dagli anni ’90: Losing my religion è senza dubbio la canzone che più ricorda la storia d’amore – o meglio le rotture – fra la romantica Brenda e il bel tenebroso Dylan, perennemente attratto dalla sua migliore amica, Kelly. Che lo passi la radio mentre i due sono in macchina o lo ascolti in continuazione Brenda dopo il loro secondo allontanamento, il brano dei R.E.M. fa da sfondo a una delle coppie più amate di vent’anni fa, icone come i loro amici di una delle serie tv cult per eccellenza.

9) HALLELUJAH – JEFF BUCKLEY (THE O.C.)

Tra le note del più noto brano di Jeff Buckley, si conclude la prima stagione di The O.C., con ben poche gioie per i protagonisti. Ryan, infatti, è costretto a lasciare la casa dei Cohen per tornare a Chino insieme a Theresa, che aspetta un figlio da lui, e rompe in tal modo la relazione con Marissa; i suoi genitori adottivi si stringono in un abbraccio di conforto, piangendo la sua partenza apparentemente definitiva, e non si accorgono che il figlio Seth teme talmente la mancanza di Ryan da fuggire in barca a vela, lasciando solo poche parole di spiegazione all’amata Summer.

8) DON’T GO – RAE MORRIS (SKINS)

Con Wild world il finale della prima stagione di Skins riusciva a passare sopra a quelle piccole dosi di dolore somministrate per preparare lo spettatore a quelle più forti, mentre la canzone di Rae Morris che chiude l’intera serie – a eccezione dei tre brevi film successivi – provoca sensazioni di nostalgia, tristezza, perfino speranza di un futuro migliore. E sfido gli amanti dei ragazzi di Bristol a trattenere una lacrima.

Matty abbraccia suo fratello un ultima volta, prima di costituirsi per la morte di Grace, e Franky dopo tanti anni e grossi cambiamenti ritrova la madre; nel frattempo, all’ospedale Mini partorisce il figlio di Alo, segno di una rinascita dell’intero gruppo dopo il dolore per la perdita di un’amica. Mentre il primo vagito risuona nell’aria, Rich guarda in camera e dice una sola parola: “Bye.” Un saluto allo spettatore dopo sei anni o un benvenuto alla nuova arrivata, che possiamo ipotizzare portare il nome di Grace?

7) THE SCIENTIST – COLDPLAY (GLEE)

Poteva mancare Glee in una lista di canzoni associate alle serie tv? Non si tratta del momento più heartbreaking di questo telefilm, ma vale la pena ricordare la scena finale della 4×04 per la sua coralità. Non una, ma quattro coppie “scoppiano” in questa puntata: Finn e Rachel, Kurt e Blaine, Santana e Brittany, Will ed Emma. Non importa la loro età, non importa l’orientamento sessuale, non importa il motivo della loro rottura, che si tratti di bugie o tradimento; otto personaggi si ritrovano sullo stesso palco per dedicarsi The Scientist.

6) I’M IN HERE – SIA (GOSSIP GIRL)

Quante sono state le rotture fra Blair e Chuck? “Innumerevoli” sembra una risposta adeguata. Da quando, sulle note di With or without you degli U2, la coppia per eccellenza di Manhattan ha dato il via alle danze in una limousine, il loro tira e molla ha tenuto gli spettatori incollati alla televisione per tutte le sei stagioni di Gossip Girl.

Nella 4×02, il loro incontro alla stazione di Parigi ha fatto sognare e disperare i fan della serie: in una Francia fuori dal tempo, avvolti da abiti che poco rimandano al nuovo millennio, i due ricordano quel passato che Chuck aveva dimenticato; Blair gli chiede di tornare, sottolineando che non lo ama più, ma che il suo mondo non sarebbe lo stesso senza Chuck Bass. Preparate i fazzoletti.

5) DAUÐALOGN – SIGUR ROS (THE VAMPIRE DIARIES)

Canzoni da spezzare il cuore, certo, ma finora le abbiamo viste legate a rotture sentimentali; purtroppo nelle serie tv ci sono più decessi che addii temporanei ed è arrivato il momento di ricordare quelli che, al suono di poche note, ci vengono subito in mente.

È nella terza stagione che Elena e Matt, in seguito a un incidente provocato da Rebekah, finiscono sul fondo del Wickery Creek. Quando Stefan li raggiunge per salvarli – dopo i disperati tentativi di Elena di uscire dall’auto – la ragazza pretende che il primo a essere portato in superficie sia Matt; muore quindi affogata, portando così alla fine anche di Alaric, che potrà solo salutare Jeremy nelle sembianze di fantasma. Per fortuna Elena tornerà presto nella forma di vampiro.

4) LOOK OUT – JAMES VINCENT MCMORROW (TEEN WOLF)

Per fortuna Elena ha a che fare con i vampiri, ma che dire di chi ha amici soltanto licantropi e banshee? Ad Allison non va nello stesso modo. Colpita mentre sorrideva suo amato Scott, convinta che la battaglia fosse terminata, la giovane Argent cade a terra in un lago di sangue tra lo sgomento e il dolore dei suoi cari: Scott che la tiene tra le braccia, Isaac che impotente la guarda morire, Lydia che continua a urlare e Chris Argent che giunge troppo tardi, senza avere la possibilità di dire addio all’ultimo e più importante membro della sua famiglia.

Scott cerca di prendere il suo dolore, ma non ci riesce: “Non fa male,” ripete Alison, “È tutto ok… È perfetto… Muoio tra le braccia del mio primo amore…”

3) CHASING CARS – THE WIND AND THE WAVES (GREY’S ANATOMY)

Quante volte Chasing cars è stata presente nella più famosa creazione di Shonda Rhimes? E quante volte è stata utilizzata per spezzare il cuore? La cover di questa canzone appare perfino nel momento dell’addio a uno dei personaggi più amati della serie, dopo undici anni sullo schermo: Derek Shepherd.

È alla moglie che spetta il triste compito di autorizzare i medici a staccargli la spina, dopo avergli detto delle ultime parole di conforto che tutti i fan ricorderanno per sempre: “Derek… Derek! Derek… It’s okay… You go.. I’ll be fine.”

Che Shonda provi un certo divertimento nel distruggere il suo pubblico è chiaro da anni e le altre serie da lei prodotte – Scandal e How To Get Away With Murder – non fanno che ribadirlo, ma nessuno si sarebbe aspettato la morte di Derek. Si sa, però, quando si tratta di stupire…

2) THE RAINS OF CASTAMERE – THE NATIONAL (GAME OF THRONES)

…se il tuo cognome non è Rhimes o Moffat, allora sarà Martin. Niente da togliere a Benioff e Weiss, che hanno saputo gestire magistralmente la traccia dei libri. The Rains of Castamere – che nella quarta stagione viene interpretata dagli stessi Sigur Ros di cui abbiamo già parlato – nasce proprio per questa serie tv, ma potevamo non menzionarla?

La scena delle Nozze Rosse è senza dubbio la più famosa di Game of Thrones, dopo la decapitazione di Ned: durante un banchetto di matrimonio, nel momento in cui lui e i suoi uomini sono più vulnerabili, il Re del Nord Robb Stark viene ucciso con tutta la sua famiglia, comprendente madre, moglie, il figlio che deve ancora nascere e il fedele metalupo. Grazie a questa mossa, gli Stark non sono più una minaccia per i Lannister. Almeno per il momento…

Ammettetelo: non appena udiamo le prime note, tutti ci guardiamo intorno tremanti.

1) HOW TO SAVE A LIFE – THE FRAY (SCRUBS)

È vero, in questa scena non muoiono personaggi importanti come Robb e Catelyn Stark, ma non è forse una delle più ricordate della storia della televisione? Se The Rains of Castamere provoca istintivo terrore, il brano dei The Fray inumidisce gli occhi nel giro di qualche secondo. E in gran parte grazie alla splendida interpretazione di John C. McGinley.

Ossessionato dalla ricerca di organi per salvare dei pazienti in fin di vita, il dottor Cox trapianta loro quelli di una suicida, senza prima avere effettuato un controllo sulla donna per stabilire eventuali malattie; le morti dei pazienti trapiantati si susseguono, fino ad arrivare al solo di loro che non ne aveva un bisogno urgente – e che aveva stretto amicizia con lo stesso Cox. È qui che il dottore decide di abbandonare il suo lavoro, deluso da se stesso come non lo era mai stato.

E dire che c’è chi crede ancora che Scrubs sia immune al dolore!

– Sara Carucci –

Rispondi