10 Canzoni da mare da amare

Arriva il momento in tutti andiamo al mare: l’estate. E questa stagione porta con se la salsedine, il sole, il mare, le onde e tanto altro. Ne hanno parlato registi e scrittori, ma anche cantanti. Eccovi una carrellata di 10 canzoni da mare da amare, ovvero canzoni che parlano, per un motivo o per un altro, di mare e che dovrebbero essere immancabili nella vostra playlist in spiaggia.

Mare Mare – Luca Carboni

Questa canzone, che è valsa la vittoria del Festivalbar ’92 a Luca Carboni, è un brano che racconta il viaggio di un ragazzo per andare al mare, precisamente da Bologna a Riccione (come dice il titolo intero della canzone Mare Mare Bologna-Riccione) per vedere la ragazza dei suoi sogni… per poi non trovarla. Ed infatti “Mare, mare, mare / Cosa son venuto a fare se non ci sei tu / No, non voglio restarci pi no, no, no“. Povero Luca!

Gente di Mare – Raf e Umberto Tozzi

Gente di mare che se ne va / Dove gli pare, dove non sa / Gente che muore di nostalgia / Ma quando torna dopo un giorno muore / Per la voglia di andare via.
Questa canzone è un inno a chi vive di mare. Marinai, pescatori o qualsiasi sia il loro lavoro, questi sono gente che ama la libertà e la nostalgia. Vedrete questi tornare al porto con felicità, ma subito dopo sentire la mancanza del mare, della nave o barca. Una canzone nostalgica da schitarrata sulla spiaggia, interpretata da un inedito duo del 1987: Raf e Umberto Tozzi.

Profumo di Mare – Little Tony

La voce suadente del “piccolo” Tony ci accompagnava per tutti gli anni ’80 all’inizio delle puntate di Love Boat su Canale 5. Come può dirvi già il nome della serie televisiva, si parla di amore e di nave. E che nave: la Pacific Princess, una nave da crociera che ci accompagnava tra onde e storie d’amore. Storie d’amore che ci ricorda anche Little Tony. “Mare, profumo di mare / con l’amore io / voglio giocare / è colpa del mare / del cielo e del mare / sento che sto lasciandomi andare” e anche noi.

Stessa spiaggia, Stesso Mare – Piero Focaccia

Torniamo ancora più indietro con Piero Focaccia… magari il nome non vi dirà nulla, ma la canzone sono sicuro che l’avrete cantata almeno una volta. Anche qui, come Luca prima, si parla di un incontro al mare. Piero, infatti, chiede alla sua morosa di tornare allo stesso mare dell’anno precedente, così da potersi rivedere e poter rivivere emozioni fortissime. Certo, la canzone può sembrare sbarazzina, ma si parla di amori giovanili sul bagnasciuga. “Per quest’anno non cambiare stessa spiaggia stesso mare, per poterti rivedere per tornare, per restare insieme a te.” Speriamo sia tornata!

Un’estate al mare – Giuni Russo

Non stiamo a parlare di Giuni Russo e dell’estensione vocale che mostra in questa canzone scritta da Battiato, ma parliamo di un pezzo che tutti, e sottolineo tutti, conoscono e hanno cantato. Forse, dal 1982, possiamo dichiarare che questa è la canzone inno dell’estate italiana e delle vacanze al mare di tutti i tipi. Immancabile in ogni playlist, anche quella dei DJ nostalgici e amanti del revival che ci fanno ballare sulla spiaggia. “Un’estate al mareeee” sono convinto l’avrete letto cantando!

Ci vorrebbe il mare – Marco Masini

Il solito nostalgico (ma che noi amiamo) Maso, fa una serie di similitudini tra la vita ed il mare, tra l’amore ed il mare. La poesia della canzone ci trasporta, senza volerlo, in mare aperto, al tramonto, su una piccola barca accarezzata dalle onde, con le lacrime agli occhi ed un forte senso di nostalgia. “Ci vorrebbe un mare dove naufragare / come quelle strane storie di delfini che / vanno a riva per morir vicini e non si sa perché / come vorrei fare ancora, amore mio, con te.” Oh, Maso!

Una rotonda sul mare – Fred Bongusto

Il mare e l’estate sono fatti di amori stagionali e di divertimento… ma non per tutti. Luca Carboni non ha trovato la sua lei al mare, ma non è l’unico: anche Fred Bongusto rimase solo. Era il 1963 e Fred cantava “Una rotonda sul mare / Il nostro disco che suona / Vedo gli amici ballare / Ma tu non sei qui con me“. Quante delusioni sulle spiagge ed agli stabilimenti balneari. Quanti cuori spezzati in riva al mare. Ed io che credevo di fare una lista di canzone allegre.

L’odore del Mare – Eduardo De Crescenzo

Il nostro poeta napoletano Eduardo, canta, col classico intercalare partenopeo e con le sue tipiche armonie, una canzone dolce sul mare e sull’amore… e ti pareva? “L’odore del mare mi calmerà, la mia rabbia diventerà / amore amore e mi sorriderà“. Così, la salsedine ed il mare calmerà il nostro Eduardo e gli permetterà di amare. Il punto è, con una voce lamentosa come la sua, come potevamo capire fosse arrabbiato?

A me ricordi il mare – Daniele Silvestri

Arriva la poesia di strada di Daniele Silvestri, innamorato di una ragazza, che paragona al mare e non per le cose più banali. “A me ricordi il mare / e non per le vacanze / che abbiamo fatto insieme / Ma per il tuo ondeggiare / tra il gesto di chi afferra / e quello di chi si trattiene” Daniele non è scontato, ma nemmeno la ragazza che pare prenderlo e lasciarlo con la facilità con cui un’onda accarezza la sabbia e poi se ne va. Ah, queste donne!

Sapore di sale – Gino Paoli

1963, vincitrice del Cantagiro di quell’anno, arriva ultima, ma non ultima, la canzone di Gino Paoli, Sapore di Salei. La canzone inizia con buonissime intenzioni. “Sapore di sale, sapore di mare / che hai sulla pelle che hai sulle labbra / quando esci dall acqua e ti vieni a sdraiare / vicino a me, vicino a meOttimo! La ragazza non ha abbandonato il cantante, quindi sarà felice di poter passare l’estate con lei. “Sapore di sale, sapore di mare / un gusto un po´amaro di cose perduteEh, no! Gino, lei sta con te, perché dobbiamo essere così tristi? Ma, per fortuna, si conclude in bellezza: “e mentre ti bacio sapore di sale, sapore di mare, sapore di te“. Oh, finalmente!

Spero che queste dieci canzoni da mare da amare vi siano piaciute e spero di sentire vostri commenti con tante altre canzoni che ho dimenticato. E, soprattutto, spero in una buonissima estate per tutti voi.

– Giorgio Correnti –

Rispondi